Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Jane - illustrata da Ninamasina

JANE- Vita di Jane Austen illustrato da Ninamasina
Piacevole e scorrevole biografia di una donna rivoluzionaria che con un’attenta analisi psicologica ed una sottile ironia, ha trattato temi scomodi per l’epoca in cui viveva.
Jane Austen vive in un’epoca in cui il matrimonio è concepito come scambio e contratto e lei rifiuta per tutta la vita di unirsi a qualcuno che non ama.
I suoi romanzi trattano temi di educazione sentimentale, in particolare si concentrano sul matrimonio d’amore come unica scelta possibile.
Le protagoniste dei suoi romanzi sono spesso anticonformiste e alla ricerca della propria felicità personale.
Jane non è però contro gli uomini, le madri, i padri, critica il sistema sociale in cui vive consapevole di poterlo cambiare solo a piccoli passi: motivando le donne a raggiungere indipendenza economica e ad amare soprattutto sè stesse.

Questa biografia è arricchita da bellissime illustrazioni ad acquerello di Ninamasina.
Consiglio questa lettura anche a ragazzi di terza media.
Giulia Vezza, 4fes, liceo C. Montanari
“leggere on the road” - progetto PCTO con la Biblioteca Civica Ragazzi, agosto 2021

Tutta la vita che vuoi - Enrico Galiano

TUTTA LA VITA CHE VUOI - Enrico Galiano
“Possiamo nascere infinite volte, la prima volta non la decidiamo noi, ma le altre sì, siamo noi che decidiamo, perchè non è scontato vivere, quanti vivono per settant’anni senza aver mai vissuto davvero? Vivere è una cosa che si va a prendere, che si strappa via con le unghie e con i denti e nasci ogni volta che te lo ricordi”.

Questa frase bellissima rispecchia l’intero libro e narra l’avventura di tre ragazzi nell’arco di una sola giornata.
I tre protagonisti Clo, Giorgio e Filippo, sono ragazzi soli, esclusi e con vissuti pesanti.
Clo è una ragazza cresciuta troppo in fretta, viene considerata una “ladra” e vive in una comunità, Giorgio ha appena perso il fratello che si è tolto la vita a causa di un senso di colpa e Filippo è stato cresciuto dal padre, dopo che la madre lo ha abbandonato a soli nove mesi.
Già dalle prime pagine emerge la tristezza e l’insoddisfazione dei tre protagonisti e l’unica cosa di cui hanno bisogno è “un temporale”, di qualcosa che li riempia di adrenalina. Questo temporale è Clo, che arriva all’improvviso nella vita dei due ragazzi e che permetterà loro di realizzare ciò che altrimenti non avrebbero avuto il coraggio di fare.
Il motto della ragazza è: “se hai così paura di farla, allora è proprio la cosa più giusta da fare”.
Ritengo Clo il personaggio più interessante di questo libro, perchè si ferma davanti agli attimi della vita, li scrive su un pezzetto di carta e li conserva da leggere per quando è triste.
Questi sono i motivi per cui secondo lei vale la pena vivere: come il n 14 “l’odore della carta di un libro della biblioteca”, o il n 211: “quando un bambino che non conosci ti sorride”,
o il n 111: “sentire per caso un profumo che non sentivi da tempo e ritrovarsi all’improvviso catapultati dentro quei giorni”.

Dopo il libro d’esordio che ho letto ed amato di Enrico Galiano “Eppure cadiamo felici” mi aspettavo lo stesso coinvolgimento ma purtroppo questo secondo ha deluso le mie aspettative. L’ho trovato poco avvincente nella trama e dal finale
che lascia troppo spazio all’immaginazione del lettore, aspetto che a me personalmente non piace.
La scrittura è sempre piacevole in quanto scorrevole e dettagliata, adatta al target d’età.

Giulia Vezza, 4fes, liceo C. Montanari
“leggere on the road” - progetto PCTO con la Biblioteca Civica Ragazzi, agosto 2021

Eppure cadiamo felici - Enrico Galiano

Gioia è la protagonista di questo romanzo, una ragazza di 17 anni, dai capelli rossi, occhi blu lago e una pioggia di lentiggini sul viso.
Le piace collezionare sul suo quaderno parole intraducibili in lingue diverse, come ‘mamihlapinatapai’ (lingua yamana) che significa “il gioco di sguardi di due persone che avrebbero voglia di baciarsi ma nessuno ha il coraggio di fare la prima mossa”; o ‘shu’ (cinese) dal significato “mettere l’altro nel proprio cuore”.

Gioia non riesce a relazionarsi con i suoi coetanei, o meglio decide di non farlo, e si ritrova spesso a vivere nella propria immaginazione.
Ha una sola amica, Tonia, che le sa dare sempre buoni consigli ed è l’unica che ha il potere di farla ridere. E’ l’amica perfetta, per molti motivi ma soprattutto per uno, è immaginaria.
Una notte, Gioia dopo aver litigato per l’ennesima volta con i suoi genitori, esce di casa e inizia a correre senza una destinazione, fermandosi esausta davanti ad un bar apparentemente abbandonato.
Da qui tutto cambia, conosce Lo, un ragazzo misterioso ed attraente che riesce a capirla e a comprendere il suo mondo complicato. Se ne innamora: “L’ha visto, ha accelerato il passo e lui si è alzato, le è venuto incontro e, come fosse una cosa del tutto normale, l’ha abbracciata. Ed è solo un abbraccio, la gente lo fa tutti i giorni, che sarà mai, ma quelli che dicono così si sono dimenticati che cos’è il primo abbraccio, non è solo un abbraccio perchè prima sei dei cocci sparsi che poi, proprio in quel momento iniziano a mettersi insieme”.
L’unione che viene a crearsi tra i due è tenera, dolce ma anche difficile e conflittuale, che metterà a dura prova Gioia.

Impossibile poi non notare la profondità di stima e di amicizia, tra Gioia e il professor Bove, suo insegnante di filosofia, che durante le sue lezioni le permette di fargli domande sulla vita.
Una delle sue risposte:
“Funziona che il momento è sempre e solo ‘adesso’, che se pensate di tenervi il meglio alla fine siete dei cretini, che se ve ne state lì buonini nascosti dietro la scusa che adesso siete piccoli, fra vent’anni farete sempre la stessa cosa, direte sempre che non siete pronti, che non è il momento, che ci vuole ancora tempo e così, ci sarà sempre qualcosa di incompleto”.

É una storia d’amore e d’amicizia accompagnata da numerosi colpi di scena, che riescono a coinvolgere il lettore fino alle ultimissime pagine.
Consiglio veramente tanto questo libro, l’ho trovato semplice e scorrevole nella lettura ma potente di significati.

Giulia Vezza, 4fes, liceo C. Montanari
“leggere on the road”- Progetto PCTO con la Biblioteca Ragazzi, luglio 2021

R: Io come te - Paola Capriolo

“Li vede tutti uno per uno, e si domanda se la ‘compassione’ di cui parlava Rajiva non consista anche, o innanzitutto, in questo modo di guardare. Ed è strano, pensa Luca che per rendersene conto, lui abbia dovuto travestirsi da venditore di rose”.

Luca è un ragazzo che si trova a vivere da spettatore un atto di brutale violenza.
E’ tormentato dai sensi di colpa, i ricordi di immagini e suoni logorano continuamente i suoi pensieri.
Decide allora di cercare la vittima di questo orribile episodio e la va a trovare in ospedale.
Lentamente nasce in Luca il sentimento di solidarietà che lo accompagnerà per tutta la vicenda.
Giorno dopo giorno l’amicizia tra Luca e Rajiva si rafforza, riuscendo a trasmettere positività, coraggio e gentilezza, trattando anche temi importanti come il razzismo, le ingiustizie e il senso umano dimenticato.
Luca ogni sera proverà a vivere come Rajiva, vendendo rose, al freddo, per le strade della città; lascerà a casa il ragazzo di quartiere benestante, accolto da tutti con cordialità e rispetto e si trasformerà, travestendosi, in un clandestino, che nessuno sembra esser disposto a trattare con rispetto.
“E’ incredibile, pensa Luca, che basti così poco per diventare uno straniero”.
Adesso sembra di capirli meglio, di poter immaginare i sentimenti di tutti i venditori di rose che per strada qualche mese prima gli passavano davanti.
Il comportamento di Luca di fronte a questa vicenda dimostra tutta la sua sensibilità:
“E’ davvero semplice come forse lo sono tutte le cose giuste”.

Una storia molto umana, mi è piaciuta molto perché capace di coinvolgerti e farti riflettere su aspetti della vita che non ti appartengono.
La lettura è scorrevole e semplice, la narrazione è maggiormente in terza persona e viene usata la prima persona per enfatizzare pensieri e stati d’animo del protagonista.

Giulia Vezza 4fes Liceo C. Montanari
“leggere on the road”- Progetto PCTO con la Biblioteca Ragazzi, Luglio 2021

Vedi tutti

Ultimi post inseriti nel Forum

Nessun post ancora inserito nel Forum

I miei scaffali

Le mie ricerche salvate

Non vi sono ricerche pubbliche salvate