ERICA RIZZARDI

Vedi tutti i suoi post
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Mai più - scritto e illustrato da R.J. Palacio

Mai più – per non dimenticare – R.J. Palacio

- Vive l' humanité?
- Vive l' humanité.

Il libro si apre con una video-chiamata fatta dal nipote alla nonna per un compito di storia. È questo il pretesto con cui ha inizio il racconto della vita passata di Grandmère.
Ci catapultiamo infatti negli anni '30 dove nelle affollate strade della città di Aubervilliers-aux-Bois vediamo un felice spaccato dell'infanzia di Sara.
Ma nell'estate del 1940 il nord della Francia verrà occupato dalle truppe tedesche che, portatrici di drastici cambiamenti, faranno diventare altre le priorità della nostra protagonista.
In questo contesto storico e in seguito ai primi rastrellamenti nascerà un' amicizia tra lei e Julien, che si protrarrà nel tempo rivelandosi più vera che mai.
Nonostante in questo libro si parli di antisemitismo e di ciò che avvenne in un'Europa stanca, malata, rabbiosa e accecata dalla brama di potere, il focus va sulla gentilezza, sul coraggio degli invisibili, sul battito rapido dei maquisards (combattenti della resistenza francese).
Immersi nel buio seguiamo una luce piccola e fievole in grado però di riaccende in noi la speranza; speranza in un futuro che credevamo non esserci, nell'amore che impaurito non fugge e nella vita che imperterrita torna per ricominciare; speranza non tanto nella nostra salvezza ma in quella dell'umanità che, sotterrata da cumuli di terra e macerie, viene liberata e prende finalmente respiro.
È dentro le singole persone che bisogna cercare, è nella gentilezza, è nei gesti disperati, talvolta sciocchi che ritroviamo ciò di cui è fatto l'uomo, la sua vera essenza.
Mai più è una delle tante storie che probabilmente avremo ascoltato o ci capiterà di leggere; ma questa completa ricerca della luce e della delicatezza la rende speciale.
Le illustrazioni hanno colori vividi e intensi che contrastano le tetre atmosfere di un duro presente e gli sbiaditi ricordi di ciò che chiamavano vita.

Erica Rizzardi, 4gsu Liceo C. Montanari
“Leggere on the road” - progetto PCTO con la Biblioteca ragazzi, luglio 2021

Addio fantasmi - Nadia Terranova

Addio fantasmi - Nadia Terranova

Addio fantasmi è la storia di ciò che rimane dopo un abbandono.
Ida, richiamata dalla madre a Messina, avrà il duro compito di scegliere cosa tenere e cosa buttare in vista della vendita della casa. Tornare per Ida significa fare un tuffo in un passato che sa non aver superato. Sono infatti acque scure quelle che cerca di lasciarsi alle spalle, ma la scomparsa del padre, avvenuta 23 anni prima, è un tormento che non le dà tregua e non le permette di raggiungere la riva.
Ciò che l'aspetta nella città natale è una casa fatta di oggetti impolverati portatori di storie e l'ingombrante presenza del padre. Lo ritrova nell'umidità dei muri, nello sgabello all'entrata, nei pattini buttati dal finestrino, nelle vie che erano soliti percorrere in un tempo, che Ida non riesce a lasciar andare.
Nadia Terranova ci racconta la profonda differenza tra lutto e scomparsa, poichè non sapere cosa ne è stato di una persona ci fa rimanere avvinghiati ad un doloroso filo, fatto di speranza, difficili verità, illusioni e punti a capo rimandati all'infinito, che lentamente ci soffoca impedendoci di andare avanti. Ci svela anche che l'unico modo per superare il dolore è accoglierlo e saziarsene accettando l'idea che farà sempre parte della vita.
Questo libro è la ricerca di un'identità perduta che si riscopre strada facendo, accompagnata da una struttura narrativa e una scrittura magistrali.
Un libro dalla trama semplice che lascia grande spazio a un'elegante prosa e a una scrittura poetica dalla prima all'ultima pagina.

Erica Rizzardi, 4gsu Liceo C. Montanari
“leggere on the road” - progetto PCTO con la Biblioteca Ragazzi, luglio 2021

Mio fratello rincorre i dinosauri - Giacomo Mazzariol

Mio fratello rincorre i dinosauri. Storia mia e di Giovanni che ha un cromosoma in più - Giacomo Mazzariol

“Gio era tutto, ma più di ogni altra cosa era libertà. Lui era libero in tutti i modi in cui avrei voluto essere libero io.”

Questa è la storia di due fratelli, e del mondo che li circonda che, agli occhi di Giacomo, risulta essere critico, pretenzioso, crudele, e ancora acerbo per accogliere il suo fratellino Giovanni.
Ma è il mondo a non essere pronto, o Giacomo a essersi perso in un buio labirinto, fatto di specchi, paure e insicurezze?
Nelle pagine di questo libro tocchiamo con mano la meraviglia e la spontaneità proprie dei bambini, il bisogno costante di appartenenza che si ha a 14 anni, le moltissime emozioni e i contrastanti pensieri che attanagliano il nostro protagonista, e quell'immenso senso di libertà e ricchezza che arriva solo quando si è pronti ad essere sé stessi e ad amare senza etichetta.
Giacomo Mazzariol racconta di fragilità che non vorremmo avere, di azioni che a volte non siamo in grado di compiere, dell'imprevedibilità della vita, di come l'uomo non possa decidere o gestire certe cose ma di come queste possano cambiare quando scegliamo di amarle.
È un libro tenero, profondo e allo stesso tempo divertente che ci racconta una realtà piena di tabù, con una spontaneità e una naturalezza che si riversano in una scrittura semplice e delicata, capace però di arrivare con grande potenza ai lettori di tutte le età.

Erica Rizzardi

Vedi tutti

Ultimi post inseriti nel Forum

Nessun post ancora inserito nel Forum

I miei scaffali

Le mie ricerche salvate

Non vi sono ricerche pubbliche salvate