GIORGIO MAZZALUPPI

Vedi tutti i suoi post
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Cento passi per volare - Giuseppe Festa

Nonostante questo libro sia pensato per un pubblico più piccolo la semplicità e i messaggi profondi racchiusi in questa storia rendono la lettura molto piacevole anche per un pubblico più adulto.
Il libro racconta la storia di Lucio, un energico ragazzo cieco di 14 anni, che a causa del suo problema visivo prova emozioni e sentimenti diversi da quelli di tutte le altre persone che gli stanno attorno. Grazie a questa sua disabilità Lucio ha sviluppato maggiormente tutti gli altri sensi, soprattutto udito ed olfatto. Lucio Infatti riesce a sentire ciò che gli altri non possono percepire: lo strusciare intenso delle foglie, i profumi delle bacche, i richiami degli animali in sottofondo. Queste sue capacità aiuteranno a salvare un piccolo aquilotto vittima di due bracconieri. Durante la lettura di questo libro è stato molto importante comprendere alle sensazioni di questo ragazzino che viene giudicato dagli altri meno abile, quasi escluso perché un pericolo.
Questo aspetto può far riflettere sulle misure che la società dovrebbe prendere per poter garantire alle persone non vedenti, e con qualsiasi altra disabilità, un mondo lavorativo alla pari di quello delle altre persone. Bisognerebbe anzi elogiare queste persone per le loro capacità, non fermarsi ai limiti.
La lettura di questo romanzo risulta piacevole e molto scorrevole, grazie anche all'amore dello scrittore per la natura, che diventa partecipe all'interno del libro, attraverso la dettagliata e poetica descrizione dei paesaggi.

Mazzaluppi Giorgio, 5 H Messedaglia
leggere on the road” - progetto PCTO con la Biblioteca Civica Ragazzi, luglio 2021

Resto qui - Marco Balzano

La lettura di questo libro risulta essere lineare e molto piacevole, grazie anche ai numerosi spunti di riflessione riguardo diverse tematiche collegate tra di loro.

Tra gli elementi che ho maggiormente apprezzato ce sicuramente la s scelta dello scrittore Balzano di scrivere il libro quasi sotto forma di diario. Questa scelta permette di cogliere meglio le emozioni, i sentimenti e le numerose indecisioni che affliggono il protagonista Trina.
Mi ha colpito come Trina rischiasse continuamente la propria vita per poter garantire un'istruzione ai bambini. La forza mentale ed ideologica di Trina le consente di opporsi al volere delle autorità, che non le permettono di svolgere le proprie lezioni.
L'intera storia ruota intorno alla costruzione di una diga che inonderebbe l'intera valle dove vive Trina, sommergendo e distruggendo interi paesi.
Questo avvenimento permette al lettore un'ulteriore spunto di riflessione riguardo l'amore delle persone per la propria casa natale, che conserva ancora tra le mura innumerevoli ricordi di infanzia. Questo amore deve piegarsi al volere delle autorità e per motivi di natura economica, come succede tutt'oggi.
Consiglio la lettura di questo libro un po a tutti, adulti ed adolescenti, perché offre al lettore una visione sulla brutalità della guerra, quella vissuta dalle persone innocenti, che finiscono per perdere tutto ciò che hanno, senza potersi opporre.

Mazzaluppi Giorgio, 5 H Messedaglia
leggere on the road” - progetto PCTO con la Biblioteca Civica Ragazzi, luglio 2021

Vedi tutti

Ultimi post inseriti nel Forum

Nessun post ancora inserito nel Forum

I miei scaffali

Le mie ricerche salvate

Non vi sono ricerche pubbliche salvate