Community » Forum » Recensioni

 Inclini all'amore
4 1 0
Djerkovic, Tijana M.

Inclini all'amore

Roma : Playground, 2013

Abstract: È possibile per una giovane donna diventare l'erede di una storia e di una famiglia tutta al maschile? Sì, se si è inclini all'amore e se si possiede l'arte del racconto, l'arte di avvincere con le parole. Parole che restituiscono un secolo, il Novecento, nelle sue trasformazioni, nelle sue euforie e nelle sue tragedie. Si comincia con Milovan, il nonno di Arianna, che sul finire dell'Ottocento insieme ad altri cinque compagni parte da un piccolo paese sperduto del Montenegro per andare a fare fortuna prima in Europa e poi in America. Di questo viaggio Milovan sarà protagonista ma anche narratore, educando all'arte affabulatoria il figlio Vladimir (il futuro padre di Arianna) che a dodici anni, a seguito dell'occupazione tedesca e italiana, entra nelle forze partigiane di Tito per seguire il suo personale Dio, il fratello Mihailo. A Vladimir verrà amputato un braccio per lo scoppio di una granata, ma alla fine della guerra ritroverà l'amore e scoprirà la poesia, di cui diventerà uno splendido interprete. Nella Jugoslavia socialista, con i suoi riti e le sue stravaganze, nasce la primogenita di Vladimir, Arianna. E quello tra il padre poeta e la figlia appassionata di libri sarà un amore smisurato, divertente, pieno di magia. Cresciuta, Arianna si innamora di un giovane architetto, figlio di un generale del controspionaggio. Sarà grazie alle indagini di quest'ultimo che Arianna scoprirà un terribile segreto che il padre le ha tenuto nascosto...

1757 Visite, 1 Messaggi
tb025933vr
88 posts

Questo libro lo avrei voluto più lungo, avrei voluto inserirmi ancora di più nei personaggi che lo popolano, in modo particolare nelle donne della famiglia di cui si dice poco, ed avvolgermi completamente nell'atmosfera di quel Novecento. Comunque una scrittura emozionante.

  • «
  • 1
  • »

1458 Messaggi in 1292 Discussioni di 199 utenti

Attualmente online: Ci sono 3 utenti online