Community » Forum » Recensioni

La voce delle ombre
0 2 0
Hardinge, Frances <1973- >

La voce delle ombre

Milano : Mondadori, 2018

Abstract: In una notte cupa e fredda, Makepeace viene costretta a dormire nella gelida cappella di un cimitero: lì nessuno potrà sentirla gridare terrorizzata nel sonno. Perchè lei è molto diversa dalle ragazze che , nell'Inghilterra della metà del Seicento, vivono nel suo villaggio. Makepeace ha un dono, che è anche una maledizione: può accogliere gli spiriti dei morti che vagano alla ricerca di un nuovo corpo. E una sera, per la prima volta, è il fantasma di un orso a trovare rifugio dentro di lei. Quando intorno scoppia la guerra civile e Makepeace viene rapita da una famiglia nobile misteriosa, l'orso diventa l'unico amico di cui può fidarsi. Insieme potrebbero cambiare le sorti del conflitto. Ma altri spiriti malvagi e potenti vorrebbero piegarla alla loro crudele volontà, per annientare il re e sconvolgere tutta l'Inghilterra...

1334 Visite, 2 Messaggi

L'adolescenza: una tromba d'aria che rade il suolo arandolo per la semina.
I venti che spirano somigliano un po' a quegli spiriti che invadono Makepeace, o sono forse i fantasmi che rispecchiano le turbolente emozioni che vorticano nell'animo di un qualsiasi ragazzo? Ma lei, Makepeace, ci parla, li ascolta, e soprattutto li accoglie.
Fantastico libro, metafora di quel periodo che tutti chiamano "adolescenza", ma che forse è solo un'eredità di spiriti.

Annalisa Spada

“Ustioni da polvere, nient’altro. Danno da nulla. Uno di loro ha avuto fortuna...per poco”. La storia che vede protagonista Makepeace in una piccola comunità inglese credente, tocca argomenti riguardanti la guerra civile inglese, in quanto ambientata nel ‘600, la morte e la sopravvivenza. In un’atmosfera tetra e misteriosa, Makepeace, sveglia e acuta, scopre di avere un potere, che la accompagnerà fino alla fine del libro. Dal momento che un giorno si imbatte nella morte di un orso, lo spirito di quest’ultimo, si ritrova ad essere assorbito dal corpo della protagonista, la quale inizia a sentire la presenza dell’animale dentro di sé. In seguito, rimanendo orfana anche dalla madre, per una seria di motivi, viene mandata in un ostello dove inizia ad indagare sul proprio passato assieme a degli amici.

Il romanzo, essendo scorrevole ma allo stesso tempo non banale, grazie alla trama avvincente, porta il lettore a finire presto il libro. A parer mio, grazie agli intrighi ed i concetti ripresi, la lettura è stata molto interessante. Un libro molto avvincente di cui consiglio la lettura agli appassionati di fantasy.

Lehlali Bassma, 3ASC Liceo Scientifico Niccolò Copernico
“Leggere On The Road” – Progetto PCTO con la Biblioteca Ragazzi Giugno 2021

  • «
  • 1
  • »

1459 Messaggi in 1293 Discussioni di 199 utenti

Attualmente online: Ci sono 9 utenti online