Community » Forum » Recensioni

Cris
0 1 0
Salvi, Manuela

Cris

Roma : Fandango, 2022

Abstract: La famiglia di Lorenzo è una famiglia tipicamente italiana: padre, madre, sorella tredicenne e lui, Lorenzo, diciannovenne fresco di maturità. Ha tutto ciò che un ragazzo della sua età possa desiderare: voti ottimi, ammissione all’università, bellezza, intelligenza. Ha proprio tutto. A parte la libertà. Nella macchina che lo porta in vacanza con la sua famiglia, l’ennesima vacanza obbligata di cui non ha deciso nulla, in un posto che odia, Lorenzo sente montare la rabbia per una vita che sembra non appartenergli affatto e che gli scivola tra le dita un minuto alla volta. Ogni cosa è stata, fino a quel momento, stabilita da altri. Dai suoi genitori, in primis. Da sua madre, soprattutto, che ne progetta e programma ogni singolo aspetto, sempre col sorriso, sempre con amore, sempre per il suo bene. In sosta all’autogrill, Lorenzo guarda le macchine che scorrono in basso, sotto la struttura a ponte sospesa sull’autostrada, in cerca di una soluzione. E inaspettatamente la trova, ed è la più banale di tutte: una fuga. Qui comincia la sua avventura verso un luogo sconosciuto che diventerà presto “casa”. Spinto da una bruciante voglia di scoprire la vita e se stesso, troverà compagni di viaggio, un lavoro intrigante e inediti desideri che passano per il corpo e l’amore. Che vita è quella che ci hanno disegnato addosso e che succede quando decidiamo noi di prendere la matita e disegnare nuove strade?

242 Visite, 1 Messaggi

“La verità è che tu… noi siamo normali. Non abbiamo problemi, abbiamo incagli, e con gli incagli non si fanno le storie. Ci si incaglia e basta”

Lorenzo è un ragazzo normale, con una vita normale, e proprio questa normalità ormai lo annoia e lo costringe a scappare, cercando una nuova identità.
Da oggi in poi si chiamerà Cris e finalmente non dovrà più sottostare al volere dei suoi genitori.
Tuttavia raggiungere l’indipendenza non è semplice come pensava e sarà costretto a trovarsi un lavoro e a essere aiutato anche da altre persone per sopravvivere al mondo che lo circonda.
“Cris” è un romanzo appassionante e ricco di colpi di scena, ogni pagina, ogni riga fa venir sempre più voglia di immergersi nella lettura.
La storia di Cris ci rende partecipi e ci permette di trovare una parte di noi stessi in lui, un ragazzo così pieno di insicurezze e di dubbi.
Questo romanzo ci fa porre diverse domande: come ci si sente a ricominciare da zero? È possibile sempre “cogliere l’attimo”? Anche se a scuola prendiamo “pieni voti”, essi ci rendono davvero “pieni”?
Tutte queste domande ci portano a maturare nel corso della storia e ci fanno intendere quanto sia complesso diventare adulti.
Consiglio la lettura di questo romanzo non solo ai ragazzi, bensì anche agli adulti che sono interessati a scoprire di più riguardo al mondo degli adolescenti.
“Cris” non è solo un romanzo, é un’avventura, un viaggio nel mondo di Lorenzo, il quale riesce a ritrovare sé stesso e a scoprire lati che non sapeva di avere.
Sbagliare è umano e il protagonista di questa storia riesce a farcelo capire perfettamente.
L’autrice, Manuela Salvi, credo sia una delle scrittrici più promettenti per il genere young adult per la sua scrittura così personale e fluente, adatta a chi cerca una lettura piacevole e intrigante.

Alyssia Albrigo, Liceo Linguistico Don Bosco, Progetto PCTO Biblioteca Borgo Trieste, luglio 2023

  • «
  • 1
  • »

1462 Messaggi in 1296 Discussioni di 200 utenti

Attualmente online: Ci sono 10 utenti online