Community » Forum » Recensioni

Peppino Impastato
0 2 0
Rizzo, Marco <1983- > - Bonaccorso, Lelio

Peppino Impastato

[Levada di Ponte di Piave] : BeccoGiallo, 2018

Abstract: Giuseppe “Peppino” Impastato nasce a Cinisi, in provincia di Palermo, il 5 gennaio 1948. A soli trent’anni, nella notte tra l’8 e il 9 maggio del 1978, viene assassinato con una carica di tritolo lungo la ferrovia Palermo-Trapani per aver denunciato speculazioni e affari di mafia, in primo luogo quelli legati al boss siciliano Gaetano Badalamenti. 

265 Visite, 2 Messaggi

“Facciamo finta che… tutto va ben!”

Cerchi una graphic novel intensa, scorrevole e con una storia appassionante?
Allora questa è proprio quella che fa al caso tuo!
Ambientata negli anni ‘70, la cosiddetta mafiopoli di Peppino è la sua terra: la Sicilia.
Nonostante la sua famiglia non sia favorevole, egli decide di mettersi in prima linea contro la mafia, utilizzando un’arma sottile ed efficace: l’ironia.
Peppino Impastato utilizza anche la radio come mezzo di denuncia sociale e ci insegna diversi valori per farci comprendere come a volte andare contro il sistema sia corretto e sia l’unico modo per renderci liberi.
Mi è piaciuto molto anche l’utilizzo del dialetto siciliano in alcune parti della graphic novel, infatti ci permette di immergerci ancora di più all’interno della storia.
Le illustrazioni sono a dir poco magnifiche, infatti trovo che gli illustratori e scrittori di Becco Giallo non deludano mai.
Consiglio questa graphic novel a chiunque sia interessato al tema della mafia, quindi non solamente ai ragazzi, ma anche agli adulti, poiché è una storia che può essere apprezzata da tutti.
Non rimarrete assolutamente delusi!

Alyssia Albrigo, Liceo Linguistico Don Bosco, Progetto PCTO Biblioteca Borgo Trieste, luglio 2023

Una graphic novel piena di significato.
Una breve storia di Peppino Impastato e di come ha sconfitto la sua “Mafiopoli” attraverso l’ironia.
Poiché lo scorso marzo, insieme alla scuola, sono stato in un’uscita didattica nella “Casa Memoria Peppino”, questo romanzo mi ha avvinto particolarmente: attraverso l’uso di illustrazioni impeccabili, dei flashbacks azzeccati e dell’ identità che vuole trasmettere, il libro racconta perfettamente gli ultimi anni di vita, pieni di paura ma di risoluzione, dell’eroe di Cinisi.
Una breve lettura piena di emozioni e di riflessioni, consigliata a tutte le fasce d’età sopra i 12 anni per l’importanza dei temi trattati e della scorrevole lettura.

Matteo Qiu, Liceo Scientifico Messedaglia, Progetto PCTO Biblioteca Borgo Trieste, luglio 2023

  • «
  • 1
  • »

1459 Messaggi in 1293 Discussioni di 199 utenti

Attualmente online: Ci sono 3 utenti online