Community » Forum » Recensioni

La notte più bella
0 2 0
Palumbo, Daniela <1965- >

La notte più bella

Milano : Piemme, 2023

Abstract: New York, 9 novembre 1965. Alle 17.27 la città all'improvviso si spegne e tutto viene avvolto dall'oscurità. Non importa se sei un quindicenne con un nonno che si chiama Alce Piumato e ti trovi su un pullman diretto alla riserva. Non importa se sei una ragazza che ha appena smesso di pattinare sulla pista di ghiaccio e stai attraversando Central Park. Non importa nemmeno se stai scappando da un orfanotrofio femminile per andare a ballare per la prima volta. Qualunque storia ti porti dietro, il buio inaspettato ti costringe ad affrontare l'ignoto e il mistero. Otto racconti che ci scaraventano dentro l'avventura del blackout che ha attraversato New York e tratteggiano gli Stati Uniti degli anni Sessanta. Un'epoca in bilico tra la guerra in Vietnam e la controcultura hippie, tra la conquista della Luna e Martin Luther King, tra Kennedy e Colazione da Tiffany. Otto storie dentro la Storia. Età di lettura: da 11 anni.

222 Visite, 2 Messaggi
EMMA MORETTO
6 posts

"New York senza luce. Era impossibile. New York è una stella sempre accesa."

Ed io New York me la immagino proprio così, piena di vita, di gioia e di luce.
Ma cosa succede se la luce sparisce, e questa stella luminosa cade nell'oscurità?
Otto racconti, otto storie diverse, tutte con lo scopo di far diventare il buio amico, di staccarlo dallo stereotipo che fa solo paura.
Sullo sfondo di una bellissima New York, descritta nei momenti di luce prima del black out, storie d'amore, d'amicizia che nascono, rapporti con i genitori ritrovati e tante altre avventure che rendono il buio un’esperienza fantastica da vivere, con accenni di storia che rendono il tutto ancora più interessante.
La notte più bella è stato un libro che mi ha permesso di vivere per 200 pagine a New York e pensare su quante volte il buio, che mette timore, possa essere in realtà un modo per conoscere meglio nuove e vecchie persone ma anche se stessi.
Daniela Palumbo con una scrittura semplice e concisa riesce a trasmettere quello in cui crede, facendo appassionare il lettore che, dal mio punto di vista,può solo concordare con quello che sostiene.
Un libro adatto a tutti dai più grandi ai più piccini.

Emma Moretto, Liceo Scientifico Galilei, Progetto PCTO Biblioteca Borgo Trieste, luglio 2023

Il libro è ambientato in America negli anni ‘60 ed è strutturato in diverse storie, precisamente 8.
In tutte le storie viene narrato lo stesso giorno: il 9 Novembre 1965, quando alle 17.27 ci fu il primo grande “blackout” in America, che colpì la costa Est degli USA.
Le storie sono molto diverse tra di loro: non c’è nessun collegamento tra una vicenda e l’altra.
Un rischio è quello di cadere nella ripetitività, ma questo aspetto viene meno tramite la fantasia e a volte la comicità delle vicende.
Un aspetto che mi è piaciuto è il riferimento ai fatti storici: in molte storie vengono narrati avvenimenti reali di quegli anni, ad esempio l’uccisione del presidente Kennedy e la storia di Neil Armstrong, il primo uomo sulla luna.
Vi si trova anche, in tutte le storie, un’ampia parentesi sul razzismo,molti protagonisti, infatti, sono afroamericani.
La lettura è facile e il lessico alla portata di tutti.
Consiglio questo libro a una fascia d’età tra i 13 e 16 anni.

Alberto Longhi, Liceo scienze umane Montanari, PCTO Biblioteca Borgo Trieste/Biblioteca Civica Ragazzi, luglio-agosto 2023

  • «
  • 1
  • »

1462 Messaggi in 1296 Discussioni di 200 utenti

Attualmente online: Ci sono 5 utenti online