Community » Forum » Recensioni

Mio fratello rincorre i dinosauri
0 1 0
Mazzariol, Giacomo <1997- >

Mio fratello rincorre i dinosauri

Torino : Einaudi, 2018

Abstract: Hai cinque anni, due sorelle e desidereresti tanto un fratellino per fare con lui giochi da maschio. Una sera i tuoi genitori ti annunciano che lo avrai, e che sarà speciale. Tu sei felicissimo: speciale, per te, vuol dire «supereroe». Gli scegli pure il nome: Giovanni. Poi lui nasce, e a poco a poco capisci che sí, è diverso dagli altri, ma i superpoteri non li ha. Alla fine scopri la parola Down, e il tuo entusiasmo si trasforma in rifiuto, addirittura in vergogna. Dovrai attraversare l'adolescenza per accorgerti che la tua idea iniziale non era cosí sbagliata. Lasciarti travolgere dalla vitalità di Giovanni per concludere che forse, un supereroe, lui lo è davvero. E che in ogni caso è il tuo migliore amico. Un romanzo di formazione in cui non c'è nulla di inventato, che stupisce, commuove, diverte e ha conquistato il cuore di centinaia di migliaia di lettori.

949 Visite, 1 Messaggi

Mio fratello rincorre i dinosauri. Storia mia e di Giovanni che ha un cromosoma in più - Giacomo Mazzariol

“Gio era tutto, ma più di ogni altra cosa era libertà. Lui era libero in tutti i modi in cui avrei voluto essere libero io.”

Questa è la storia di due fratelli, e del mondo che li circonda che, agli occhi di Giacomo, risulta essere critico, pretenzioso, crudele, e ancora acerbo per accogliere il suo fratellino Giovanni.
Ma è il mondo a non essere pronto, o Giacomo a essersi perso in un buio labirinto, fatto di specchi, paure e insicurezze?
Nelle pagine di questo libro tocchiamo con mano la meraviglia e la spontaneità proprie dei bambini, il bisogno costante di appartenenza che si ha a 14 anni, le moltissime emozioni e i contrastanti pensieri che attanagliano il nostro protagonista, e quell'immenso senso di libertà e ricchezza che arriva solo quando si è pronti ad essere sé stessi e ad amare senza etichetta.
Giacomo Mazzariol racconta di fragilità che non vorremmo avere, di azioni che a volte non siamo in grado di compiere, dell'imprevedibilità della vita, di come l'uomo non possa decidere o gestire certe cose ma di come queste possano cambiare quando scegliamo di amarle.
È un libro tenero, profondo e allo stesso tempo divertente che ci racconta una realtà piena di tabù, con una spontaneità e una naturalezza che si riversano in una scrittura semplice e delicata, capace però di arrivare con grande potenza ai lettori di tutte le età.

Erica Rizzardi

  • «
  • 1
  • »

1462 Messaggi in 1296 Discussioni di 200 utenti

Attualmente online: Ci sono 4 utenti online