Community » Forum » Recensioni

Gli amori di un fantasma in tempo di guerra
0 1 0
Crécy, Nicolas : de

Gli amori di un fantasma in tempo di guerra

San Dorligo della Valle : Einaudi ragazzi, 2019

Abstract: Il destino di un giovane fantasma nel cuore di un secolo segnato dalla guerra, che lo condurrà ad arruolarsi nella Resistenza mentre sperimenta i primi tormenti amorosi. Un libro a cavallo tra romanzo storico, fantasy e distopia, che racconta un'indimenticabile epopea.

1014 Visite, 1 Messaggi

“ Ma un fantasma può davvero morire?
Insomma, dal momento che non è vivo, muore davvero oppure solo per un certo periodo di tempo, magari qualche secolo, prima di risvegliarsi con un’indole completamente diversa? Un fantasma non è forse abbastanza irreale da poter evitare quella tappa così concreta rappresentata dalla fine della vita?”

“Gli amori di un fantasma in tempo di guerra” è un libro illustrato che racconta la Seconda Guerra mondiale vissuta nel mondo dei fantasmi. Seppur possa apparire una variazione simpatica e leggera sul tema della guerra, il libro, grazie anche alle sue illustrazioni di straordinaria bellezza, è in grado di suscitare forti emozioni nel lettore.
La storia si lancia in un viaggio all’insegna dell’amore, della speranza, del dolore, della paura, della solitudine, rendendo il lettore partecipe ad ogni evento che agita la vita del piccolo fantasma protagonista.
Innanzitutto, bisogna specificare che cosa sono i fantasmi nell’universo di de Crécy: nascono in seguito all’ultima emanazione vitale degli esseri umani e, se l’essere umano in questione era dominato dalla perfidia e dal rancore, il fantasma che nasce è rabbioso, acido.
Il nostro fantasmino protagonista, quindi, si troverà spesso alle prese con nemici più grandi di lui in un mondo adulto intriso dalla cattiveria, dalla lotta ma anche dalla resistenza di fronte agli orrori della guerra. Sentimenti quali la paura della violenza, il desiderio di libertà, il dolore e la disperazione della perdita e la malinconia di un’esistenza passata in solitudine animano le giornate fosche, fredde e grigie del fantasma.
Il protagonista sarà costretto, con orrore, a rivivere gli avvenimenti che hanno devastato il mondo dei fantasmi anche nel mondo degli umani; infatti, la storia nel mondo dei fantasmi accade pochi anni prima che si ripeta nel mondo degli esseri umani. La considero una strategia narrativa assai geniale poiché sottolinea sia le crudeltà della guerra, sia i dolori e le cicatrici permanenti che risiedono negli animi di chi ha vissuto durante quei tempi.
Le illustrazioni sono in grado di trasmettere l’invisibile e di dare forma a ciò che è astratto; sfogliando le splendide illustrazioni che caratterizzano il libro rimaniamo incantati, colpiti e commossi dall'astuto uso del colore, dalla delicatezza ma anche dall’irruenza delle forme, rendendo la lettura del libro un'immersione in un mondo che coinvolge tutti i sensi.
È una storia in grado di pizzicare le stringhe del cuore di ogni lettore, pertanto la lettura è caldamente consigliata a coloro che vogliono abbandonarsi alla malinconia di vestire i panni di un ‘fantasmino domestico’.

  • «
  • 1
  • »

1462 Messaggi in 1296 Discussioni di 200 utenti

Attualmente online: Ci sono 5 utenti online