Community » Forum » Recensioni

Ovunque andrai
0 1 0

Ovunque andrai

[Milano] : Sperling & Kuper, 2009

Abstract: Eva e Marco, un anno dopo. È di nuovo estate e per loro si è conclusa una fase importante della vita: hanno superato l'esame di maturità e davanti gli si spalanca il futuro, con sogni, speranze, progetti tutti da realizzare, nella consapevolezza di essere ormai adulti. Già... ma il cuore? Il cuore è sempre lo stesso di ieri, continua a battere forte quando si guardano, si sfiorano, si parlano. Anche se hanno scelto di prendere strade che li portano lontano l'uno dall'altra. Eva ha deciso di partire per New York con Alex. Vivranno insieme e, mentre lui avvierà il suo ristorante, lei studierà giornalismo. Marco invece frequenterà, a Milano, l'Accademia di musica. Ma poco prima di dirsi addio, si lasciano andare, dimenticano tutti i loro buoni propositi... e fanno l'amore dopo mesi. Un gesto dalle conseguenze imprevedibili per entrambi e che tuttavia non cambierà i rispettivi piani. Ma quando Eva è ormai al di là dell'oceano, Marco, disperato, decide di giocarsi un'ultima carta: volerà fino a New York e, senza sapere dove cercare la sua Eva, vagherà per la Grande Mela con la speranza di incontrarla per caso. Se succederà, significa che il destino ha voluto dare alla loro storia un'altra occasione. Ma tutto deve accadere in ventiquattr'ore...

864 Visite, 1 Messaggi

“La passione non ha futuro e il futuro è senza passione. Sembra che il mondo funzioni così. E allora fatemi parlare col mondo!”

È l’estate della quinta superiore e Eva e Marco, i due protagonisti, hanno appena superato uno dei traguardi più grandi per la loro età: la maturità. Anche se sanno bene entrambi di essere ormai cresciuti e di essere diventati adulti non smettono mai di sognare. Davanti a loro hanno un futuro pieno di cose da imparare, conoscere e scoprire, ma i loro sogni li portano in parti diverse del mondo. Nonostante entrambi siano cresciuti, il cuore è rimasto sempre lo stesso e ciò che c’è tra loro non è cambiato e non cambierà mai. Eva parte per New York dove studia giornalismo e decide di andare in questa nuova città con Alex, che invece vuole aprire un suo ristorante. Marco invece ha deciso di studiare all’Accademia di musica di Milano. Prima di partire però accade qualcosa che non era previsto: fanno l’amore e dimenticano tutti i buoni propositi che avevano stabilito. Tuttavia i loro desideri non cambiano, entrambi vogliono studiare dove avevano deciso in precedenza ed è così che all’inizio può sembrare la fine di una storia ma…Marco decide di volare fino a New York dove cercherà Eva, non sapendo dove lei si trovi, sperando di incontrarla per caso così da avere la prova che il loro destino è quello di stare insieme. Il tutto però, deve accadere in ventiquattro ore.

Personalmente mi sono sentita molto coinvolta nella storia che questo libro racconta. Ho scelto di leggere questo libro perché sto cercando di affrontare un ostacolo con cui anche Eva e Marco hanno dovuto fare i conti: la distanza. Mi sento di consigliarlo a tutti coloro che si trovano a vivere la stessa situazione perché vi assicuro che tante altre persone ci sono già passate e leggere storie di altri che hanno affrontato queste difficoltà e sono riusciti ad andare oltre a questi limiti, non ti fa perdere la speranza. Questo libro mi ha aperto gli occhi e mi ha fatto capire che l’amore, quello vero, è più forte anche della distanza e soprattutto è importante che ognuno segua i propri sogni per non avere rimpianti in futuro e se sarà destino le cose rimarranno uguali, anche se la realtà in cui vivremo sarà diversa dal solito. È difficile pensare che la persona con la quale sei abituato a stare insieme e a condividere la tua quotidianità se ne vada da un giorno all’altro però la cosa che si deve pensare in queste situazioni è che a volte non serve essere vicini per amare una persona, se il sentimento è reale non cambierà, che siate insieme oppure no. La storia di Eva e Marco mi ha anche insegnato quanto sia importante lasciarsi andare e non costruirsi troppi muri e distanze per non soffrire, è giusto vivere il presente per poi pensare al futuro, facendo così saremo certi di non esserci persi nulla e non avremo rimpianti.

Sofia Caramaschi Liceo Classico Scipione Maffei, 2I Comunicazione Web, “Leggere on the road” - Progetto PCTO con la Biblioteca Ragazzi, Luglio 2021

  • «
  • 1
  • »

1459 Messaggi in 1293 Discussioni di 199 utenti

Attualmente online: Ci sono 7 utenti online