Community » Forum » Recensioni

Naked
0 2 0
Brooks, Kevin

Naked

Milano : Piemme, 2016

Abstract: Il racconto di Lili comincia con l’estate del 1976, quella che cambiò per sempre la sua vita: l’estate in cui nacque il punk e la sua band, i Naked, l’estate del sesso, della droga, degli eccessi, ma anche dell’amore. Dall’incontro con Curtis Ray, il dio della musica, leader della band, all’ingresso nel gruppo del misterioso ragazzo irlandese che le ruberà il cuore. La vita di Lili e dei Naked corre in parallelo con un pezzo di storia della musica e della Londra di quegli anni, scossa dalla nascita di un nuovo e violento movimento culturale e dilaniata dal terrorismo.

42 Visite, 2 Messaggi

“Fu allora che la mia vita iniziò, il mio amore fu sigillato, la mia anima si perse e si infranse, fu l’estate di molte cose –calore e violenza, amore e odio, sogni ed incubi, paradiso e inferno- e riguardando a quel periodo adesso, è difficile distinguere il bene dal male.”

Lilibeth, per tutti Lili, è una quindicenne inglese che vive nel pieno degli anni settanta, all’epoca della nascita e dell’esplosione del punk come genere musicale e come moda. La ragazza è attratta da Curtis Ray, adolescente sfrontato e affascinante più grande di lei. Dopo averlo conosciuto, Lili scopre che il ragazzo è il front man di una band punk chiamata Naked. Curtis la introduce nella band e la giovane si lascia trasportare da questa nuova onda di stravaganza, piena di sesso, di droga e di eccessi. Dopo un inizio tentennante, i Naked cominciano a progredire nel mondo musicale. Lili inizia però a faticare nello stare al passo con tutti questi avvenimenti che la stanno condizionando, preoccupandosi inoltre di Curtis, sempre più avvezzo all’uso di droghe e alcool. In suo aiuto arriva William, il nuovo enigmatico chitarrista della band, proveniente da Belfast. La sua calma e i modi tranquilli, oltre che a riuscire a tener testa allo sbandato Curtis, portano stabilità nel caotico mondo di Lili. Il passato del nuovo chitarrista, poi, affascina la giovane, che prova pian piano a scoprire i segreti di William, entrando in un mondo parallelo strano e complicato tanto quanto il mondo della sua musica…

Quello che affascina dello stile narrativo di Kevin Brooks è l’incredibile realismo che riesce a far trasparire dalle scene e dalla storia narrata. L’immedesimazione è un punto focale della lettura e Brooks, riuscendo in questo intento, mostra agli adolescenti moderni tutta la realtà, con il bene e con il male, che ha caratterizzato lo strano mondo negli anni ’70.
Dal mio punto di vista, inoltre, è importante notare come la protagonista sia profondamente plasmata dagli eventi e dalle persone che la attorniano, quasi come se si lasciasse andare al cambiamento, che però la induce a una riflessione profonda su cosa e su chi fidarsi, oltre che al dubbio ricorrente su cosa sia giusto o sbagliato. Altro aspetto importante è la passione sfrenata per qualcosa, in questo caso la musica: come si può intuire dal libro, Curtis in particolare è innamorato perso della musica, tanto da voler vivere solo di quello. Questa passione però lo porta ad abusare di diversi stupefacenti e allo spremere fino allo stremo chi gli sta intorno, cercando un limite utopico che spesso porta rischi non solo a lui, ma anche ad altri. In definitiva, i due aspetti si intrecciano: se la passione comincia a sormontare tutto, infatti, occorre una riflessione per capire cosa sia bene e cosa sia male, non solo per sé stessi ma anche per quelli che ci stanno accanto.

“Naked” è un tuffo nel passato molto interessante, che getta luce su un periodo intricato della storia che, oltre ad ampliare la cultura dei giovani d’oggi, dà ottimi spunti di riflessione su temi che, se guardati con attenzione, sono ancora oggi molti importanti e determinanti.

Samuele Guarnieri, Liceo Classico Scipione Maffei, Progetto PCTO Biblioteca Ragazzi “Leggere on the road”

Recensione del libro ''Naked'' di Kevin Brooks.
''Perché le cose già successe, specialmente quelle che avresti voluto non succedessero...bè, il punto è proprio questo: non puoi farle dissuccedere. Non si può semplicemente lasciarsele dietro, perché una volta che sono accadute, sono parte di te, parte del tuo passato e il loro ricordo diventa parte del tuo presente e le loro conseguenze parte del tuo futuro''.
E' l'estate del 1975, Lili è a scuola e si sta esercitando con il pianoforte cimentandosi in un brano di Debussy quando ad un tratto Curtis Ray, il ragazzo più figo della scuola, dopo aver ascoltato il brano, la invita ad unirsi nella sua band. Contemporaneamente emozionatissima e timorosissima accetta e dovrà subito reiventarsi imparando a suonare il basso, su richiesta di Curtis. La band oltre a Curtis che fa da frontman, è composta da Stan e Kenny. Lili fin da subito si sente appartenente a qualcosa e i primi successi cominciano ad arrivare, affiancati, però, dalla droga, il sesso e gli eccessi. L'entusiasmo iniziale di Lili viene sempre meno, complice anche il comportamento brusco di Curtis. Sono anche gli anni del terrorismo e degli scontri fra Repubblicani e Lealisti. Dopo aver infatti fatto entrare un nuovo membro nella band, William Bonney, Lili scopre molti segreti su di lui e comincia una vita parallela a quella con la band. Cominciano ad arrivare i contratti e le prime apparizioni televisive ma Lili ormai non è più la stessa. William non c'è più e lei si rende conto di aver esultato fin troppo presto entrando nella band...
''Naked'' è un libro di genere young adult che affronta temi attuali ancora oggigiorno. Come parola d'ordine c'è l'eccesso, quell'eccesso che in un qualche modo ha portato i primi successi alla band, ma allo stesso modo ha portato scontri interni nei ''Naked'' con conseguenti divergenze ideologiche. Kevin Brooks riesce ad utilizzare il realismo e gli eventi realmente accaduti in quegli anni, la nascita del punk e gli scontri politici, in un modo incredibilmente sincero che tiene attaccato il lettore alle pagine del libro. Gli spunti offerti sono numerosi e alquanto preziosi anche quando ci si rende conto che l'io narrante è proiettata 35 anni avanti, la quale fatica a non avere rimorsi e pentimenti con i quali si serve per raccontare la sua estate del 1976, invogliando il lettore a raggiungere un grado di consapevolezza tale da riuscire a distinguere il bene dal male.
''Naked'' offre la possibilità di riflettere in modo più profondo su quelle che possono essere le aspirazioni dei giovani, le quali vanno premeditate per non incorrere in una vita dettata dal male. Offre un tuffo nel passato per affrontare temi difficili, come gli scontri tra l'IRA e le milizie londinesi, che vanno colti anche da persone che non vivono queste situazioni da protagoniste. E' un libro che consiglio sia a ragazzi non troppo piccoli, dati alcuni temi evidenziati in modo molto schietto dallo scrittore, sia ad un pubblico più adulto.
Djordje Despot, Liceo Copernico, Progetto PCTO Biblioteca Ragazzi ''Leggere on the road''

  • «
  • 1
  • »

1133 Messaggi in 1036 Discussioni di 130 utenti

Attualmente online: Non c'è nessuno online.