AcquaSoleVento 500x3

Perché parlare di poesia per bambini in Biblioteca?

Perché è marzo e si sente aria di primavera. Perché la voce dei poeti ci può guidare in un viaggio tra ritmi, profumi, parole che diventano musica e cantano.

Perché la poesia alimenta la vita. È il mezzo più potente per esplorare le risorse del linguaggio, per costruire personalità creative che sappiano esprimere pensieri liberi.

Ci accompagnano le parole di alcuni poeti italiani contemporanei che hanno scritto e scrivono per i bambini e i ragazzi:

Gianni Rodari, Pinin Carpi, Toti Scialoja, Roberto Piumini, Elio Pecora, Vivian Lamarque, Giuseppe Pontremoli, Bruno Tognolini, Janna Carioli, Chiara Carminati, Nicola Cinquetti, Pietro Formentini, Giusi Quarenghi.


Scarica il pdf (10 Mb) 

Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Data 2014
× Nomi Formentini, Pietro
× Nomi Orecchia, Giulia
Includi: tutti i seguenti filtri
× Target di lettura Giovani (in generale)
× Nomi Cinquetti, Nicola

Trovati 2 documenti.

 Eroi re regine e altre rime
0 0 0
Libri Moderni

Cinquetti, Nicola

Eroi re regine e altre rime / Nicola Cinquetti ; illustrazioni di Chiara Rapaccini

Roma : Nuove edizioni romane, [1997]

Nuova biblioteca dei ragazzi. Poesia ; 20

Abstract: Leonardo, Copernico, Federico Barbarossa, Colombo sono alcuni dei cinquanta personaggi descritti con semplici rime. I bambini con allegria e immediatezza possono così scoprire l'identità di tanti personaggi della storia e della letteratura. Età di lettura: da 6 anni.

La forchetta fidanzata
0 0 0
Libri Moderni

Cinquetti, Nicola

La forchetta fidanzata : poesie sui segnali stradali / Nicola Cinquetti ; illustrazioni di Marilena Pasini

Roma : Nuove edizioni romane, [2004]

Nuova biblioteca dei ragazzi. Poesia ; 48

Abstract: Un percorso poetico inventato a partire da cinquanta segnali stradali. Un modo fantasioso per introdurre i bambini alla lettura di un linguaggio grafico che è indispensabile conoscere il prima e il meglio possibile. Un'educazione stradale efficace e del tutto inedita che utilizza e sottolinea il libero gioco del fare poesia.