Avviso

Biblioteca S. Massimo chiusa per lavori

Avvisiamo gli utenti che da martedì 28/06/2022 la biblioteca di S. Massimo è chiusa per lavori. Le biblioteche più vicine nelle quali può recarsi chi volesse usufruire dei servizi bibliotecari sono: Biblioteca...

 

 

 

 

 

 

 

Fra mondi diversi

Emine Sevgi Ozdamar, "Il ponte del Corno d'oro"

Non è un caso che sia stata una scrittrice di origine anatolica, Emine Sevgi Özdamar, a ricevere, quest’anno, l’ambito premio letterario tedesco Georg Büchner, probabile anticipo di una prossima candidatura al premio Nobel. [...]
Nata a Malatya, la città dell’Anatolia sudorientale orgogliosa delle sue rinomate albicocche secche, emigra in Germania due volte – la prima nel 1965, come Gastarbeiterin, come allora erano definiti i lavoratori immigrati, la seconda, come esule, dopo il colpo di stato militare del 1971, dopo che era rientrata in Turchia, a Istanbul. Qui frequenta l’Accademia di Arte Drammatica e prende parte al movimento di protesta degli anni Sessanta e Settanta.
L’esilio a Berlino è politico e intellettuale, ed è necessario anche per la salute della sua lingua. In seguito alla repressione, infatti, non è più in grado di esprimersi come vorrebbe, sente il bisogno di curare la lingua madre in uno Sprachsanatorium, un sanatorio della lingua che a suo dire si trova in Germania. È la Volksbühne di Berlino Est, dove è accolta dall’allievo di Bertolt Brecht Benno Besson, con cui lavorerà per anni.
Proprio la lingua, allora ferita, che le rende insopportabile il paese in cui la libertà di espressione è cancellata e che l’ha spinta ad allontanarsi dalla sua terra e dai suoi cari, col tempo è rinata. Si è trasformata durante un lungo percorso compiuto come attrice, assistente e regista di teatro e scrittrice. Ora nelle sue opere usa una lingua unica, gioca con le parole, le trasforma, crea neologismi sia grazie a invenzioni originali sia ispirandosi alla lingua turca. [...]
Sono passati decenni, l’apparente semplicità dei testi di Özdamar ha portato talvolta a una sottovalutazione della sua opera, considerata letteratura di minor valore. Ora però la giuria che in passato ha conferito lo stesso premio a scrittori del calibro di Max Frisch e Günter Grass, Heinrich Böll e Christa Wolf, ne valorizza i «mezzi stilistici letterari sconosciuti ed espressioni d’ispirazione turca» e dichiara che «il lavoro di Emine Sevgi Özdamar apre un dialogo tra lingue, culture e visioni del mondo differenti che è insieme intellettuale e poetico».
L’essenza della sua opera è colta in pieno.

[Sandra Paoli, il manifesto del 18.08.2022]

♦ IN CATALOGO - Emine Sevgi Ozdamar, Il ponte del Corno d'oro, Milano: Ponte alle Grazie, 2010.

IN RETE:

← Leggi le precedenti recensioni
 

    

 

Vedi tutti

Ultimi post

Il pellegrinaggio in Oriente - Hermann Hesse

Il suo passo [...] era serale, aveva lo stesso suono del crepuscolo, era connaturato con l'ora, coi suoni smorzati che venivano dal centro della città, con la mezza luce dei primi lampioni che incominciavano appunto a illuminarsi.

Tutta colpa di un libro - Shelly King

Mentre leggevo questo libro mi veniva in mente c’è posta per te, il film che abbiamo amato in molti e capirete il perché solo leggendolo. Tutti vorrebbero una Libreria come quella che si trova nel negozio di hugo, almeno io la vorrei. Perdermi nei vecchi volumi, trovare una storia avvincente che ti trasporti; è un po’ quello che fa la nostra protagonista alla dragonfly, appunto il negozietto messo a dura prova dalle nuove librerie più nuove all’avanguardia. È qui che si svolge il tutto: la nostra protagonista disoccupata, che invece di trovare lavoro passa le sue giornate in quella libreria. Maggie era stata incastrata dal suo migliore amico ad andare ad un club di lettura, sperando di farla rientrare nell argonet, la società che loro stessi avevano creato. C’era però una condizione: che tutti dovevano avere la stessa edizione del libro dell amante di lady chatterley. E quando Hugo vide il nuovo libro storse un po’ il naso anche perché il nuovo libro veniva proprio dalla libreria Apollo, aperta di fronte al negozio e disse: anche io dovrei avere lo stesso libro da qualche parte. Maggie disse a Hugo che doveva partecipare a questo club e che tutti dovevano avere la stessa edizione. Hugo che non ci sta alle regole disse che le avrebbe cercato il libro in questione; è così che maggie trovó sul suo pianerottolo una copia logora e ingiallita dell amante di lady chatterley. Quando apri’ il libro fece fatica a rimanere intero; comincio’ a perdere fogli e mentre maggie iniziò a prendere i fogli vide che quasi su ogni pagina ci furono delle scritte e ogni frase finiva con hanry o chatherine; aveva trovato la corrispondenza tra due persone. Maggie così decise di saperne di più e si mise alla ricerca di questi due innamorati chiedendosi che fine avessero fatto. Iniziando le ricerche maggie arrivo ad una conclusione che avrebbe potuto cambiargli la vita per sempre: un colpo di scena enorme, non avevo mai letto niente della shelly king; devo dire che questo libro l ho finito in due giorni, non riuscivo a staccarmi dalle pagine volevo scoprire assieme a maggie che fine avessero fatto harry e catherine. Volevo continuare a leggere per capire se maggie avesse trovato la sua strada nel mondo, volevo sapere che fine avessero fatto tutti i protagonisti di questa storia. di Hugo, di dizzy, di avi e anche di quel insopportabile Jason. Volevo sapere cosa succedeva alla dragonflay. un libro dolce e allo stesso tempo scorrevole; il libro che mi ha fatto ancora di più innamorare della lettura. è un libro semplice e per niente noioso con molti colpi di scena alla fine.

Evernight - Claudia Gray

Buongiorno bibiletsbook! Oggi volevo parlavi di una recensione. Scusatemi ma sarò molto crudele e molto veloce. Il libro, o meglio la saga, in questione è di Claudia gray. Dovrebbero essere in tutto 4 volumi; l’ ho trovato in biblioteca e volevo qualcosa di non così grande da portare in autobus la mattina mentre vado a lavoro, così decisi di prenderlo. 293 pagine, la trama mi ispirava molto: E se romeo e giulietta fossero stati vampiri ? quindi iniziai la lettura. Per carità i luoghi sono descritti abbastanza bene per 293 pagine, ma il resto ti prego no ! Sono rimasta delusa da come si è svolta la storia di bianca e lucas; troppo di fretta per non parlare dei sentimenti di amici e amore. Così dopo nemmeno due secondi che si erano conosciuti, due colpi di scena in tutto il libro. È uno di quelli si poteva intuire subito, credetemi. Ho letteralmente odiato Bianca: l’ho trovata immatura, bambina,con il suo innamoramento facile per lucas. Ripeto dopo che si erano solamente detti ciao. Secondo me questa saga è adatta a ragazzi dai 12-15 anni al massimo. Continuerò a leggere la saga ? No grazie.

La meccanica del cuore - Mathias Malzieu

Leggendo questo libro mi capitava spesso di pensare che assomigliasse a qualche film di tim burton. I personaggi sono strani, ognuno a modo suo mi ha lasciato qualcosa. Sembravano così reali e tipo una favola dark; avevo letto molti parare contrastanti su questo libro ma jack restera nel mio cuore per molto tempo, per come il suo modo di amare, quell’amore puro e sincero che ti fa scalare le vette e credetemi jack per il suo amore ne farà di cose. Sul finale non lo so, forse è così che a volte finiscono i libri. Può piacere o non piacere. Forse avrei voluto un finale diverso ma forse è meglio che sia finita così. Presto vorrei guardare il film per vedere se, come a volte accade, rovinino il libro, o se gli darà qualcosa di aggiunto al libro.
“Viaggio sui binari della mia paura. Di cosa ho paura? Di te, o meglio, di me senza di te.”

Il corpo nel Medioevo - Jacques Le Goff

Un libro scritto da un grande studioso del medioevo, dedicato alle varie parti del corpo. La fisicità umana è analizzata per parti, con le interpretazioni che venivano date nel medioevo ad ogni elemento del corpo. L'autore analizza la concezione del corpo, il suo spazio nella società, la sua presenza nell'immaginario e nella realtà della vita quotidiana.

Prestiti in corso 0
Prestiti di oggi 0
Utenti iscritti 0