Avviso

Green Pass per accedere alle biblioteche

NUOVE MODALITÀ PER ACCEDERE ALLE BIBLIOTECHE Dal 6 agosto 2021 per accedere alle Biblioteche del Comune di Verona è obbligatorio che all'ingresso gli utenti esibiscano il Green Pass, corredato da un documento di identità in corso di validità, in ottemperanza alle disposizioni governative previste per i luoghi della cultura in Italia (D.L. 23 luglio 2021). Le disposizioni...

Avviso

Prenota il posto con Affluences

Le PRENOTAZIONI POSTI STUDIO nelle biblioteche Civica, B.go Trieste, B.go Roma, B.go Milano, S. Lucia, S. Michele e nel Centro Audiovisivi vanno effettuate per mezzo della app Affluences (scaricabile su smartphone iOS e Android) e dalla pagina web...

 

 

 

 

 

Tra storia e cronaca

Giorgio Falco, "Flashover"

La sera del 29 gennaio 1996 un incendio illumina il cielo di Venezia.
Il teatro La Fenice brucia. L’incendio è stato appiccato dal titolare di una piccola ditta in ritardo sulla fine dei lavori per il restauro del teatro.
Giorgio Falco ha scritto un libro che come un incendio illumina e divora il suo oggetto: ricostruzione di una storia vera e sua decostruzione; romanzo di un’ossessione; indagine sul desiderio e sul potere del denaro di trasformare le cose e i corpi; ritratto in maschera degli ultimi quarant’anni di storia italiana, autobiografia di tutti. 

[L'audio dell'intervista è sul sito di Fahrenheit, Rai Radio 3.]

 

In catalogo (ebook): Giorgio Falco, Flashover, Torino: Einaudi, 2020

In rete:

 

← Leggi le precedenti recensioni
 
Se cerchi le recensioni delle Storie incatenate clicca sul link

    

 

Vedi tutti

Ultimi post

Jane - illustrata da Ninamasina

JANE- Vita di Jane Austen illustrato da Ninamasina
Piacevole e scorrevole biografia di una donna rivoluzionaria che con un’attenta analisi psicologica ed una sottile ironia, ha trattato temi scomodi per l’epoca in cui viveva.
Jane Austen vive in un’epoca in cui il matrimonio è concepito come scambio e contratto e lei rifiuta per tutta la vita di unirsi a qualcuno che non ama.
I suoi romanzi trattano temi di educazione sentimentale, in particolare si concentrano sul matrimonio d’amore come unica scelta possibile.
Le protagoniste dei suoi romanzi sono spesso anticonformiste e alla ricerca della propria felicità personale.
Jane non è però contro gli uomini, le madri, i padri, critica il sistema sociale in cui vive consapevole di poterlo cambiare solo a piccoli passi: motivando le donne a raggiungere indipendenza economica e ad amare soprattutto sè stesse.

Questa biografia è arricchita da bellissime illustrazioni ad acquerello di Ninamasina.
Consiglio questa lettura anche a ragazzi di terza media.
Giulia Vezza, 4fes, liceo C. Montanari
“leggere on the road” - progetto PCTO con la Biblioteca Civica Ragazzi, agosto 2021

Stepsister - Jennifer Donnelly

“Ciò che è fatto è fatto. Sia stato fatto a te o da te, non puoi cambiarlo.
Ma ciò che non è fatto non è fatto.
E lì alberga la speranza, incombe il rischio.
Credi nel tuo potere di trovare la tua strada. Oppure no. Hai comunque ragione.
Ogni guerra è diversa, eppure ogni battaglia è uguale.
Il nemico è solo una distrazione. Ciò che combatti, sempre, è te stessa.”
Principi, principesse, re, regine, guerrieri e fate fanno parte di questa storia, ma questa non è una fiaba qualsiasi, questa è una fiaba che illustra l’essere umano con il suo lato buono e cattivo. Sta a noi decidere la nostra condotta verso gli alti e i bassi della nostra vita. Isabelle, una ragazza forte e impavida, sbagliò tantissime volte nella sua vita lasciandosi trasportare dal suo lato oscuro, ma più tardi capì che poteva alterare tutto ciò, e che nessuno, tranne lei, sapeva quale fosse la cosa migliore da fare. Un destino segnato non è nulla per chi ha coraggio e determinazione. A volte, quando sembra che tutto sia perduto, basta guardare indietro, tornare sui nostri passi e ricominciare da capo.
Ho trovato questo libro molto interessante, la storia è accattivante e sono stata particolarmente affascinata da come il libro è scritto. La scrittrice ha saputo descrivere bene i sentimenti dei personaggi, il loro aspetto fisico e gli ambienti. Ogni scena è meticolosamente dettagliata. Tutti questi particolari fanno sì che il lettore riesca ad immaginare la scena come se fosse dentro il libro. Sono stati pochi i libri che mi hanno dato la stessa soddisfazione e per questo sono molto lieta di aver scelto Stepsister.
La storia è ricca di dettagli, di ambienti e di personaggi diversi. Trovo che sia perfetto per coloro che hanno intenzione di cominciare a leggere libri un po' più impegnativi.
Lo consiglierei ai ragazzi maggiori di 14 anni.

Heloisa Facchin, Liceo Scientifico Scienze Applicate N. Copernico, Progetto PCTO Biblioteca Ragazzi "Leggere on the road", settembre 2021

R: Faten - Fatima Sharafeddine

“Per la prima volta dopo tanto tempo sente ciò che tutti chiamano speranza. Le torna in mente un capitolo del libro di lettura che parlava della speranza, e del giovane che decise di costruire un castello per dimostrare all’insegnante di non essere né stupido né svogliato. Grazie al duro lavoro e all’incrollabile speranza, mise una pietra sull’altra e costruì un palazzo chiamato Castello di Musa, che la gente ancora oggi va a visitare su uno dei monti del Libano.”

Faten, una ragazza forte e piena di coraggio, riesce a cambiare completamente il corso della sua vita. All’età di soli 15 anni viene costretta dai genitori a lavorare come domestica presso una casa abitata da una famiglia di estranei, nella capitale del Libano, Beirut, lontana dalla sua famiglia, dalla scuola e dalla sua migliore amica. In Libano ci sono le guerre civili, i padroni di casa trattano Faten come se fosse solo una domestica, senza nessuna dimostrazione di affetto, e suo padre va da loro una volta al mese solo per ricevere una somma di denaro per il lavoro svolto. Nonostante tutto ciò, Faten continua a credere che un giorno realizzerà il suo sogno, essere un’infermiera.

Una storia che parla di speranza, di determinazione, di coraggio, in un contesto e in un realtà del tutto diversa da quella in cui noi occidentali viviamo. La cultura e i costumi descritti nel libro, diversi da quelli a cui siamo abituati, mostrano come le donne debbano sottomettersi al volere dei genitori, cominciando dalla giovane età, per procurarsi un marito, e quando si sposano lasciano gli studi e la carriera per occuparsi della famiglia.

All’inizio della lettura ho pensato che questo libro non fosse un gran che, ma pagina dopo pagina ha iniziato a piacermi. La storia è bella e devo dire che alcuni episodi mi hanno quasi emozionata. L’ho trovato interessante dal punto di vista della cultura dei personaggi. Il testo è scritto in due lingue, in arabo e in italiano, perfetto per chi stesse studiando arabo, o italiano, e volesse esercitarsi con la lettura. Trovo che il libro sia abbastanza semplice dal punto di vista del linguaggio e della storia, il che lo rende un libro adatto a chi non è abituato alla lettura e vuole iniziare con qualcosa di leggero. Consiglierei questo libro ai ragazzi dai 12 anni in su.

Heloisa Facchin, Liceo Scientifico Scienze Applicate N. Copernico, Progetto PCTO Biblioteca Ragazzi "Leggere on the road", settembre 2021

In solitaria parte - Silvia Vecchini

Recensione “In solitaria parte“- Breve passeggiata tra le stanze di Giacomo Leopardi

“La sua fantasia era senza freni, instancabile e libera, faceva grandi le piccole cose, illuminava quelle oscure, abbelliva le disadorne”
Attraverso le pagine di questo viaggio tra le stanze della casa di Leopardi, potremo sentirci parte delle sue giornate e del suo stile di vita immersi fra i vari aneddoti e racconti personali della propria gioventù. Leggendo il testo si può capire ancore maggiormente la sua mentalità e la sua innata natura poetica . Un libro adatto a tutte le età in grado di far conoscere la reale vita del poeta in tutte le sue sfaccettature in un modo originale e scorrevole.

Deborah Regazzini 4^Gsu Liceo C. Montanari, “leggere on the road” - progetto PCTO con la Biblioteca Ragazzi, settembre 2021

Il giovane Holden - J. D. Salinger

“A pensarci bene era una situazione abbastanza buffa in un certo senso, e di colpo ho fatto una cosa che proprio non dovevo fare. Mi sono messo a ridere”
«Non faccio che dire “piacere d’averla conosciuta” a gente che non ho affatto piacere d’aver conosciuto. Ma se volete sopravvivere, bisogna che diciate certe cose.»
“Il giovane Holden” è uno dei classici della letteratura del ‘900 e narra di un ragazzo impulsivo, insoddisfatto e privo di ambizioni che sembra disprezzare o deridere la maggior parte delle persone intorno a lui.
Holden è un adolescente appena stato espulso dal college che decide di tornare prima del previsto a New York, la sua città, e di trascorrere tre giorni da solo prima di tornare a casa. Durante questo fine settimana Holden incontra varie persone e alcuni di questi incontri saranno spunto di molte riflessioni. L’avventura di questi giorni è per lo più un continuo flusso di pensieri del protagonista.
“Il giovane Holden” è uno dei romanzi di formazione più conosciuti e per questo è una lettura molto consigliata agli adolescenti. Ho trovato questo libro molto interessante e da subito ho provato una certa simpatia per il protagonista sebbene appunto sia un personaggio che compie molte scelte discutibili. Holden dimostra infatti la tipica fragilità che spesso caratterizza molti adolescenti e per questo il libro risulta attuale nonostante sia stato scritto più di settant’anni fa.
Milena Marconi, Liceo Messedaglia
Progetto PCTO Biblioteca Ragazzi “Leggere on the road”, Agosto 2021

Prestiti in corso 0
Prestiti di oggi 0
Utenti iscritti 0