Trovati 4174 documenti.

Mostra parametri
Per qualcuno può essere lo spazio
0 0 0
Libri Moderni

Sottsass, Ettore <1917-2007>

Per qualcuno può essere lo spazio / Ettore Sottsass ; a cura di Matteo Codignola

Milano : Adelphi, 2017

Piccola biblioteca Adelphi ; 708

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Le carte, i disegni, le fotografie di Ettore Sottsass formano uno sterminato continente fisico e mentale – qualcosa come quei caotici storyboard che rendono le pareti preparatorie di alcuni registi più appassionanti del film che ne deriva, o quelle di alcuni poliziotti più interessanti della soluzione del caso. Questo libro rappresenta un inizio di esplorazione degli anni Quaranta-Cinquanta, periodo in cui Sottsass cercava una sua strada nell'unico modo che sembrava essergli congeniale: percorrerle tutte. Accompagnandolo nei primi passi, il lettore sarà sorpreso di trovare un catalogo minuzioso dei colori reperibili negli scompartimenti dei treni americani, un racconto di guerra nei Balcani, un ritratto di Spazzapan (il pittore cui Sottsass sosteneva di dovere tutto), o l'abbozzo di un manifesto artistico. Ma la sorpresa principale sarà scoprirsi, solo dopo qualche pagina, vittima per contagio della sindrome Sottsass, e del suo sintomo più prezioso: un'infinita, e indefinibile, curiosità per tutto.

Prima dei vangeli
0 0 0
Libri Moderni

Ehrman, Bart D.

Prima dei vangeli : come i primi cristiani hanno ricordato, manipolato e inventato le storie su Gesù / Bart D. Ehrman

Roma : Carocci, 2017

Sfere ; 124

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 1
  • Prenotazioni: 1

Abstract: Posto che i vangeli sono stati scritti alcuni decenni dopo la sua morte, in che modo Gesù è stato ricordato in questo lasso di tempo? In quale misura, nella tradizione orale, i suoi insegnamenti, gli episodi della sua vita e i racconti della sua passione sono stati modificati e inventati? Unendo una conoscenza impareggiabile delle fonti con il piacere della narrazione, e grazie anche all'ausilio di discipline quali l’antropologia, la sociologia e la psicologia, Bart D. Ehrman affronta il ruolo cruciale giocato dalla memoria nel trasmettere, plasmare e, in qualche caso, inventare le storie sul Gesù storico, in questo libro destinato a cambiare una volta per tutte il modo in cui leggiamo i vangeli. Questo libro è molto diverso dalle altre pubblicazioni su Gesù che si rivolgono a un pubblico di non addetti ai lavori. In esso tratto di alcune tra le questioni più significative e urgenti riguardo al personaggio che sta alla base della tradizione cristiana nel suo insieme. Tali questioni si pongono a partire da quella che, insieme a molti altri studiosi, io considero essere una realtà storica. Tra la morte di Gesù e i primi resoconti scritti sulla sua vita passano dai quaranta ai sessantacinque anni: dobbiamo pertanto cercare di capire che cosa ne è stato del ricordo di Gesù in questo lasso di tempo. Ho affrontato questo problema avvalendomi di metodologie delle quali non mi sono mai servito prima e che molti specialisti del Nuovo Testamento semplicemente ignorano: la psicologia cognitiva, l’antropologia culturale e la sociologia. Alcuni interessantissimi esperimenti condotti in questi campi ci offriranno la chiave per risolvere alcuni tra i più misteriosi enigmi con i quali si confrontano tanto gli esperti quanto i lettori comuni: che cosa possiamo conoscere dell’uomo Gesù? In che modo e perché il ricordo di Gesù è stato alterato prima che i vangeli fossero scritti? Si tratta evidentemente di questioni di grande impatto per tutti quelli che hanno un legame o una fede personale in Gesù, ma non soltanto per loro. Qualunque cosa si pensi o si creda riguardo a questo personaggio, comunque ci si ponga nei suoi confronti, da seguace o da outsider, non si può negare che continui a giocare un ruolo molto importante nel mondo attuale e nelle nostre vite. È venerato come Dio da oltre due miliardi di persone e la Chiesa fondata sul suo nome per molti secoli è stata l’istituzione religiosa, culturale, politica, sociale ed economica di gran lunga più potente nel mondo occidentale. Sia la fede in Gesù sia la Chiesa che porta il suo nome si fondano sui racconti della sua vita presenti nel Nuovo Testamento. In che modo possiamo utilizzare le memorie di Gesù per ricostruire la sua vita, le sue parole e le sue gesta? Alcuni elementi sono stati modificati qua e là durante il processo di trasmissione orale? I racconti sono stati alterati in maniera sostanziale? Alcuni sono stati inventati di sana pianta? In conclusione: il nostro ricordo di Gesù è fragile, ingannevole, falso? In questi casi, possiamo spiegarci come mai il ricordo della sua vita e della sua morte si è modificato con il passare del tempo? Riflettendo su questi problemi è possibile conoscere meglio la vita, i valori, le speranze, i conflitti e le preoccupazioni dei seguaci di Gesù, i quali lo hanno ricordato in determinati modi? Ecco le questioni che affronteremo nelle pagine seguenti.

La rivolta delle élite
0 0 0
Libri Moderni

Lasch, Christopher

La rivolta delle élite : il tradimento della democrazia / Christopher Lasch ; traduzione di Carlo Oliva

Vicenza : Neri Pozza, 2017

I colibrì

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Pubblicato per la prima volta nel 1995, un anno dopo la morte del suo autore, La rivolta delle élite apparve subito come un libro fondamentale, capace di cogliere, più di qualsiasi testo di politologia, le ragioni profonde della crisi delle moderne democrazie liberali. «Anziché attenersi ai sondaggi», scrisse il Washington Post, «gli analisti politici farebbero meglio a impiegare il loro tempo leggendo l’ultimo libro di Christopher Lasch». Oggi, a oltre vent’anni di distanza, il volume si svela non soltanto come un libro fondamentale, ma come una vera e propria opera profetica, in grado di prefigurare la nascita dei populismi odierni, di quella secessio plebis che si comprende appunto soltanto come una naturale conseguenza della rottura del legame sociale operata tempo fa dalle élite. Il libro ritrae per la prima volta, nei suoi tratti essenziali a noi oggi così familiari, quell’élite liberale e cosmopolita di tecnocrati, manager e agenti della comunicazione che determinano le sorti delle società contemporanee: uomini che si sentono a casa propria soltanto quando si muovono, quando «sono en route verso una conferenza ad alto livello, l’inaugurazione di una nuova attività esclusiva, un festival cinematografico internazionale». Uomini che, in possesso di «una visione essenzialmente turistica del mondo», lasciano volentieri l’idea di una residenza stabile a una middle class ritenuta «tecnologicamente arretrata, politicamente reazionaria, repressiva nella morale sessuale, retriva nei gusti culturali». Uno smart people che, a Hong Kong come a Bruxelles o a New York, si sente «creativo», ma la cui creatività è rivolta soltanto a «una serie di attività mentali astratte svolte in un ufficio, preferibilmente con l’aiuto di un computer, e non alla produzione di cibo, case o altri generi di prima necessità». Il solo rapporto che, nel liberalismo moderno, l’élite ha con il lavoro produttivo è, per Christopher Lasch, il consumo. Per il resto essa vive in una «iperrealtà», un mondo simulato di modelli computerizzati, dove non ne è più nulla del mondo comune e dove l’ossessione fondamentale è il controllo, la «costruzione della realtà» (diremmo, con il termine oggi in voga, la governance). Lasch non si sottrae alla questione di cosa opporre alla rottura del legame sociale prodotta dalla rivolta delle élite. Nel sindacalismo agrario e operaio americano dell’Ottocento, confluito poi nel People’s Party e nel Partito Democratico, vi è, secondo lui, la possibile risposta: l’esperienza di comunità fondate su valori come l’eguaglianza delle opportunità, la competenza, la mutua collaborazione, e per questo «capaci di autogoverno». La rivolta delle élite fu pubblicata per la prima volta in Italia nel 1995 dall’editore Feltrinelli con il titolo La ribellione delle élite. La sua riproposta oggi, con un titolo più fedele a quello originale, nasce da una profonda convinzione: che l’opera sveli oggi più di ieri la sua indiscussa attualità.

La verità del male
0 0 0
Libri Moderni

Stangneth, Bettina

La verità del male : Eichmann prima di Gerusalemme / Bettina Stangneth ; traduzione di Antonella Salzano

Roma : LUISS University Press, 2017

Pensiero libero

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 1
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Accolto con clamore in tutto il mondo, e cinquant’anni dopo La banalità del male, questo libro capovolge l’immagine di Eichmann e del nazismo data da Hannah Arendt.Il gerarca nazista Adolf Eichmann, dopo la fine della seconda guerra mondiale, fuggì in Argentina e lì visse nascosto finché non venne catturato dai servizi segreti israeliani e portato a Gerusalemme per il celebre processo. Bettina Stangneth, filosofa tedesca esperta di inganno e manipolazione, ne ha seguito le tracce lasciate durante la sua latitanza, rintracciando i suoi nascondigli e portando alla luce documenti segreti e dettagli inediti, svelando così le abili macchinazioni con cui uno dei principali architetti della Shoah, che egli riteneva “il suo capolavoro”, definì se stesso “funzionario d’ordine” e “piccolo ingranaggio nella macchina di annientamento nazista”. Stangneth dimostra che l’immagine di grigio burocrate, inetto e poco intelligente, della quale si convinse Hannah Arendt, che così lo raccontò a milioni di lettori, fu in realtà studiata a tavolino dallo stesso Eichmann, abile manipolatore sociale che sperava in questo modo di aver salva la vita. Non ci riuscì, ma riuscì – fino a oggi – a perpetrare un inganno ancora più terribile: farci credere che il diavolo non esiste.

Lo sguardo realista
0 0 0
Libri Moderni

Brooks, Peter

Lo sguardo realista / Peter Brooks

Roma : Carocci, 2017

Frecce ; 243

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Nel volume, Peter Brooks si concentra sulla pretesa dei grandi romanzieri e pittori dell’Ottocento di rappresentare il mondo così come ci appare. Ripercorrendone la tradizione – dall'invenzione del realismo nell'opera di Balzac e Dickens al suo apogeo in Flaubert, Eliot e Zola, fino alla sua eredità nei primi modernisti come Henry James e Virginia Woolf – l’autore offre un’analisi radicalmente nuova del progetto realista e del suo fortissimo interesse per l’elemento visivo.

Tiranni
0 0 0
Libri Moderni

Newell, Waller Randy

Tiranni : una storia di potere, ingiustizia e terrore / Waller R. Newell ; traduzione di Luigi Giacone

Torino : Bollati Boringhieri, 2017

Saggi. Storia

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 1
  • Prenotazioni: 0

Abstract: La tirannia rimane il fenomeno politico più antico e duraturo. E sembra che il suo spirito sopravviva rinvigorito fino ai nostri giorni: che si tratti del terrorismo jihadista, dell'imperialismo di Putin, o delle ambizioni espansionistiche cinesi. Waller R. Newell - dispiegando tutta la sua vasta conoscenza della filosofia e della storia antiche e moderne - mette a nudo la figura del tiranno, raccontando in modo articolato e coinvolgente la lunga scia di potere, ingiustizie e terrore che in oltre duemila anni despoti di ogni ordine e grado si sono lasciati alle spalle. Scopriamo così che Nerone, Francisco Franco e Mubarak sono i prototipi del tiranno «giardiniere», che dispone dello Stato e della società come di una personale proprietà, per il proprio piacere e beneficio e a favore esclusivo del proprio clan e dei propri sodali, e il cui potere sfocia spesso e volentieri nell'eccesso edonistico e nella crudeltà gratuita. Alessandro Magno, Napoleone e Atatürk sono invece tiranni «riformatori», animati - è vero - da un sincero desiderio di migliorare la società, ma altresì accecati dal perseguimento di fortuna e gloria a scapito di ogni legge e democrazia. Sono infine tirannie «millenariste» quelle di Robespierre, Stalin, Mao e degli odierni jihadismi, guidate dall'impulso di imporre un regime utopico a cui l'individuo deve sottostare per il bene collettivo e in cui ogni privilegio è sradicato fino a raggiungere l'eccesso in uno Stato di polizia attraverso l'omicidio di massa e il genocidio. Tiranni è una lezione di storia illuminante per chiunque sia interessato al pericolo rappresentato dalla tirannia e dal terrore nel mondo di oggi. Finché rimarremo vigili la democrazia è destinata a sconfiggere la tirannia, per il semplice fatto che è un'idea migliore

La bussola del piacere
0 0 0
Libri Moderni

Linden, David J.

La bussola del piacere : ovvero perchè junk food, sesso, sudore, marijuana, vodka e gioco d'azzardo ci fanno sentire bene / David J. Linden

Torino ; Codice, 2017

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Tutte le società da sempre hanno voluto imporre un confine che separi il piacere dal vizio e quindi il modo in cui affrontarne il "lato oscuro": la dipendenza. Le neuroscienze però ci dicono che molti comportamenti che consideriamo virtuosi, come pregare 0 fare beneficenza, attivano lo stesso circuito neurale su cui agiscono, per esempio, le droghe e l'alcol, e che la dipendenza non è frutto di una scarsa forza di volontà bensì un disturbo di natura fisiologica. I confini di cosa è bene e cosa è male, di cosa separa il socialmente accettabile dal moralmente deplorevole sono quindi, nella realtà scientifica, molto più sfumati di quanto pensassimo. Una sfida notevole, quella lanciata dalla scienza di oggi, che ci porta a ripensare gli aspetti culturali, morali e giuridici che danno forma alla nostra identità e alla nostra presenza all'interno della società

Origini
0 0 0
Libri Moderni

Baggott, Jim

Origini : la storia scientifica della creazione / Jim Baggott ; traduzione di Isabella C. Blum

Milano : Adelphi, 2017

Biblioteca scientifica ; 57

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 1
  • Prenotazioni: 0

Abstract: È possibile tracciare in un'unica, serrata narrazione la «storia materiale» dell'universo dal big bang all'evoluzione della coscienza di Homo sapiens? Sì, lo è, se al compito - ambizioso ai limiti dell'azzardo - provvede uno scienziato come Jim Baggott, con il suo approccio al contempo rigoroso e affascinante. Ricorrendo alle più recenti acquisizioni di tutte le discipline funzionali all'impresa - astrofisica e biologia evoluzionistica, cosmologia e genetica -, Baggott risale infatti, in puntuale successione cronologica, a tante «origini» correlate e distinte, ognuna inquadrata come una sequenza chiave: dalla formazione dello spaziotempo e della massa-energia, pochi istanti dopo il big bang, all'apparizione della luce, dalla genesi delle galassie fino al progressivo delinearsi della «nostra» porzione di universo con la nascita del sistema solare e della Terra. Nell'ambiente caldo e umido di quest'ultima si creeranno le condizioni per l'origine forse più misteriosa e imperscrutabile, quella della vita. Il manifestarsi dei primi organismi terrestri unicellulari, circa quattro miliardi di anni fa, innesca quel processo evolutivo che culminerà nell'emersione di Homo sapiens: un percorso lungo e tormentato, «interrotto a più riprese dalle imprevedibili brutalità del caso» - ere glaciali, eruzioni vulcaniche, impatti con asteroidi -, responsabili di periodiche estinzioni di massa. Non c'è romanzo di avventura più imprevedibile

Il nazismo e l'antichità
0 0 0
Libri Moderni

Chapoutot, Johann

Il nazismo e l'antichità / Johann Chapoutot

Torino : Einaudi, 2017

La biblioteca ; 29

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 1
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Non abbiamo un passato», diceva Hitler, rammaricandosi che gli archeologi SS si ostinassero in ricerche nei boschi della Germania, per poi trovarvi soltanto delle brocche orrende. Il passato della razza, quello che doveva riempire d'orgoglio i tedeschi, era da rintracciare in Grecia e a Roma. Cosa c'è di meglio di Sparta per costruire una società e un uomo nuovo? Quale miglior esempio di Roma per costruire un Impero? E quale piú efficace avvertimento delle guerre che opposero la razza nordica agli assalti della Persia e di Cartagine? L'Antichità greca e romana insegnava come perpetuarsi attraverso una memoria monumentale ed eroica, quella del mito. Il Reich succedette ad Atene e Roma in questa lotta millenaria, nella quale dovette fronteggiare gli stessi nemici e pericoli. Dai canoni dell'ideologia nazista, a partire dal Mein Kampf, agli edifici di Norimberga, passando attraverso i manuali scolastici, il cinema e le arti plastiche, l'Antichità greca e romana venne riletta e riscritta per fornire al lettore, alunno, studente, spettatore e suddito del nuovo Impero, un paradigma ideologico saldamente impiantato sulle due grandi civiltà del mondo classico. Johann Chapoutot esplora il cuore del progetto totalitario nazista: annettersi non solo gli spazi fisici del mondo, ma impadronirsi, per forgiare l'uomo nuovo, anche del passato, assegnandogli una funzione di esaltazione, modello e profetico avvertimento

Ultime notizie sull'evoluzione umana
0 0 0
Libri Moderni

Manzi, Giorgio <1958- >

Ultime notizie sull'evoluzione umana / Giorgio Manzi

Bologna : Il mulino, 2017

Intersezioni ; 483

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 1
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Pillole di evoluzione umana. Da prendere una alla volta o anche tutte insieme. Per aiutarci a comprendere meglio noi stessi e il posto dell'uomo nella natura. Da Lucy ai Neanderthal, dall'enigmatico Homo naledia Ötzi: attraverso una serie di istantanee scattate nel panorama della paleoantropologia degli ultimi anni, con la guida di uno scienziato-divulgatore, conosceremo i nostri parenti estinti e i tanti antenati che abbiamo nel tempo profondo. Un puzzle complesso e avvincente le cui tessere sono come pagine strappate di un libro da restaurare, quello della nostra preistoria

Interviste e colloqui
0 0 0
Libri Moderni

Berio, Luciano

Interviste e colloqui / Luciano Berio ; a cura di Vincenzina Caterina Ottomano ; introduzione di Paul Griffiths

Torino : Einaudi, 2017

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 1
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Il corpo centrale della raccolta - 51 colloqui tra interviste, conversazioni e inchieste, condotti in lingue e Paesi diversi - traccia un percorso cronologico che va dal principio degli anni Sessanta fino a pochi mesi prima della scomparsa di Berio nel 2003. È la parabola di un musicista immerso nella contemporaneità, che qui si intreccia con quella dei suoi interlocutori, tra cui spiccano firme di rilievo della pubblicistica italiana e internazionale, nonché i nomi di compagni di vita quali Umberto Eco e Renzo Piano. I temi centrali dell'orizzonte creativo di Berio - dal teatro alla ricerca elettroacustica, dalla voce al linguaggio, dalle tradizioni popolari all'impegno del musicista nella società - si snodano attraverso le interviste con la chiarezza di un linguaggio che, senza mai rinunciare all'approfondimento e all'acume critico, mira a raggiungere un bacino di lettori largo e variegato. Molteplici i riferimenti alle opere piú note di Berio, da Thema (Omaggio a Joyce) a Laborintus II, da Sinfonia alle Sequenze, da Coro a Stanze ; o ai lavori di teatro musicale da Passaggio a Cronaca del Luogo ; e ancora a progetti, incarichi e istituzioni che videro il compositore e l'uomo di cultura coinvolto come ideatore o collaboratore sempre attento alla funzione educativa della musica e alla sua capacità di costituirsi critica attiva della realtà

Che cosa è successo nel 20. secolo?
0 0 0
Libri Moderni

Sloterdijk, Peter

Che cosa è successo nel 20. secolo? / Peter Sloterdijk ; traduzione di Maria Anna Massimello

Torino : Bollati Boringhieri, 2017

Saggi. Filosofia

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: "Né il Sole né la morte né il XX secolo si possono guardare fissamente". Equiparandolo a ciò. di cui - secondo una celebre massima di La Rochefoucauld - sarebbe impossibile sostenere la vista, Peter Sloterdijk non pronuncia affatto una sentenza inappellabile sul Novecento. Piuttosto chiama in causa la debolezza di sguardo di chi continua ad applicargli, per cristallizzarne il senso sfuggente, etichette compendiarie come "età dei totalitarismi", "secolo breve", "era atomica" e infine, a celebrare l'affaccio sul nuovo millennio, "globalizzazione". Ricondurre il secolo passato all'archivio delle sue efferatezze o alla preminenza di un principio politico o economico significa abdicare alle finalità conoscitive a cui si ambiva, e cadere preda di quel riduzionismo che Sloterdijk giudica tra i più virulenti contagi novecenteschi, tutt'altro che debellati. Il "fondamentalismo della semplificazione" ha ingaggiato allora una gigantomachia con l'emergente logica della complessità. Dalla metafisica della pesantezza, e dalla sua alleanza con forze o valori che stanno in basso, alla radice, accreditati di una realtà più vera e ritenuti bisognosi di espressione, ha cercato di fuggire l'ontologia dello sgravio, alla quale Sloterdijk aderisce con passione antigravitazionale. La critica che muove alla ragione estremistica e profetica e al "radicalismo" che etimologicamente la sostiene non è soltanto la risposta filosofico-politica al quesito sull'essenza di un'epoca: è un allargamento di campo all'intera storia della civiltà occidentale, e all'altro logos, mobile e strategico, che ha in Odisseo il paradigmatico eroe cognitivo e nella sua educazione per mare la scena primaria della "svolta oceanica" da cui cinquecento anni fa prese avvio la globalizzazione

Giardino atomico
0 0 0
Libri Moderni

Zuccalà, Emanuela

Giardino atomico : ritorno a Chernobyl / Emanuela Zuccalà ; prefazione di Giuseppe Onufrio ; postfazione di Roberto Rebecchi ; postfazione di Massimo Bonfanti

Formigine : Infinito, 2017

Orienti

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Chernobyl, 26 aprile 1986. L'esplosione del reattore numero 4 della centrale nucleare ucraina scatena una potenza radioattiva quattrocento volte superiore alle bombe sganciate dagli americani sul Giappone. Il disastro viene inizialmente nascosto dalle autorità sovietiche e ancora oggi non se ne conosce l'intera portata. Tre decenni dopo, quando i lavori di messa in sicurezza della struttura sono ancora lentamente in corso, questa indagine sul campo racconta tutta la verità: le bugie sulla gravità dell'incidente; la nube radioattiva che ha lambito l'Europa intera; i "liquidatori" che hanno perso la vita a pochi giorni dall'esplosione; donne, uomini e bambini morti o gravemente malati a causa degli elementi radioattivi liberati in natura; il mostro radioattivo che continua a colpire ancora oggi. I dati pubblici dell'Unscear e il governo ucraino affermano che il pericolo è passato, minimizzando il rischio, ma le indagini indipendenti asseriscono il contrario: chi è tornato o si è trasferito a vivere sui terreni e nelle case nei dintorni della centrale è costantemente a rischio

Tecnologie del dominio
0 0 0
Libri Moderni

Ippolita <gruppo di lavoro>

Tecnologie del dominio : lessico minimo di autodifesa digitale / Ippolita

Milano : Meltemi, 2017

Biblioteca ; 3

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 1
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Le parole delle tecnologie del dominio sono molte, e riguardano tutti gli abitanti del pianeta Terra, anche non umani, anche le macchine. Alcune sono antiche, altre sono di nuovo conio; spesso sono termini inglesi: algoritmo, big data, blockchain, digital labour, gamificazione, internet of things, pornografia emotiva, privacy, profiling, trasparenza radicale e altre ancora. Sono collegate fra loro da una fitta trama di rimandi e sottintesi, una rete di significati colma di ambivalenze e incomprensioni. Insieme compongono il variegato mosaico della società presente e di quella a venire. In questo quadro emerge come ideologia prevalente l'anarco-capitalismo, una dottrina vaga eppure molto concreta nei suoi effetti devastanti sui legami sociali, la costruzione delle identità individuali e collettive, la politica. Sembrano parole d'ordine solide come acciaio temprato, senza crepe, senza debolezze. Ma a osservarle con le lenti dell'ironia, con gli occhiali dello humor e della consapevolezza storica, con il desiderio hacker di smontarle e capire come funzionano, si sciolgono come neve al sole

L'impresa come istituzione sociale
0 0 0
Libri Moderni

De Vivo, Paola

L'impresa come istituzione sociale / Paola De Vivo

Bologna : Il mulino, 2017

Itinerari. Sociologia

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 1
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Le scienze sociali hanno gradualmente sottratto il tema dell'impresa e dell'azione imprenditoriale al campo di trattazione esclusivo della scienza economica. L'impresa è un'istituzione storica e sociale dotata di specifiche modalità di organizzazione, fondate su rapporti di cooperazione e di conflitto tra gli attori sociali che le danno vita. In quanto istituzione complessa, essa è governata da regole formali e informali che presiedono agli scambi che sostanziano l'azione imprenditoriale, le logiche di interazione tra gli attori che vi partecipano e gli esiti individuali e collettivi a cui pervengono

La Grecia di isola in isola
0 0 0
Libri Moderni

Ganz, Paolo

La Grecia di isola in isola : orizzonti di mare sulle tracce di Ulisse / Paolo Ganz

Portogruaro : Ediciclo, 2017

Altri viaggi ; 18

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 1
  • Prenotazioni: 0

Abstract: «Nella luce impareggiabile di luoghi come questo, ritrovo il mito assoluto dell'antica Grecia, quel senso di struggente malinconia che mi afferra quando guardo il mare dalle coste a picco, gli uccelli pelagici che si avventurano in eterno volo dove l'uomo non può; dove l'orizzonte si confonde inesorabilmente con il cielo. Laggiù qualcosa sembra apparire e dare ragione al nostro esistere, lo stesso punto incerto e misterioso dove ogni nostra certezza non ha più alcun sostegno né corso». Un viaggio tra le isole greche in cui si intrecciano incontri e sapori, letteratura e storia, tragedia e mito. E mentre il Meltemi fa tintinnare nella notte greca una collana di conchiglie, Paolo Ganz fissa il pensiero con l'inchiostro nei suoi taccuini che profumano di carta e di sale. Dall'italiana Rodi, alla veneziana Creta - passando per la Megisti di Mediterraneo - fino a Corfù, ritenuta dagli studiosi dell'Odissea la terra dei Feaci, la sua rotta solitaria si dipana tra una continua profonda riflessione e la sorpresa di scoprire che il baricentro d'Europa si trova molto più a sud di quanto abbiamo sempre pensato

Le campagne elettorali al tempo della networked politics
0 0 0
Libri Moderni

Cepernich, Cristopher

Le campagne elettorali al tempo della networked politics / Cristopher Cepernich

Bari ; Roma : Laterza, 2017

Libri del tempo Laterza ; 480

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Che cosa sono le campagne elettorali digitali? In che cosa sono diverse dalle campagne online? Quali forme ha assunto negli ultimi anni la mobilitazione degli elettori da parte della politica? Come si rinnovano le strategie ora che sono disponibili tecnologie avanzate e analisi dei "big data"? Un libro utile a orientarsi in un panorama - quello della comunicazione politica ed elettorale - che ha subito in breve tempo trasformazioni radicali

Non piangete la mia morte
0 0 0
Libri Moderni

Vanzetti, Bartolomeo

Non piangete la mia morte / Bartolomeo Vanzetti ; a cura di Tommaso Gurrieri

Firenze : Clichy, 2017

Père Lachaise

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 1
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Il 23 agosto 1927, a Boston, alle ore 0,19, venne giustiziato sulla sedia elettrica Nicola Sacco. Alle 0,26 toccò a Bartolomeo Vanzetti. Due anarchici. Due italiani in un'America che temeva già il comunismo come uno dei peggiori pericoli. Ma la storia di Sacco e Vanzetti, accusati di aver preso parte ad una rapina uccidendo un cassiere e una guardia nonostante le prove evidenti della loro innocenza, non si chiuse con la loro esecuzione. La loro è una delle più note storie di ingiustìzia, che divenne qualcosa di più grande e simbolico. In questo volume sono raccolti gli scritti di Vanzetti: Una vita proletaria, una sorta di autobiografia, le lettere ai familiari e la requisitoria che egli fece ai giudici che di lì a poco lo avrebbero condannato a morte. Sono testi che ci parlano di un uomo, dei suoi amorì, dei suoi affetti, delle sue debolezze, ma anche della sua ferma idealità politica. E ci parlano del valore assoluto dell'anarchia, che nelle parole di Bartolomeo, il pescivendolo piemontese che divenne sìmbolo del martirio contro il potere oppressivo, si rivela nella sua essenza libertaria, umanitaria, solidale

Rifare il mondo... del lavoro
0 0 0
Libri Moderni

Graceffa, Sandrino

Rifare il mondo... del lavoro : un'alternativa alla uberizzazione dell'economia / Sandrino Graceffa ; con la collaborazione di Roger Burton, Virginie Cordier e Carmelo Virone ; prefazione di Sergio Bologna

Roma : DeriveApprodi, 2017

Comunità concrete ; 4

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: In Europa il mondo del lavoro è stretto tra due alternative: liberalizzazione selvaggia alla Uber o difesa di diritti che ormai riguardano solo delle minoranze. Esiste una terza via? In questo libro l'amministratore delegato di SMart, cooperativa di lavoro europea - una realtà che ha radunato migliaia di lavoratori autonomi di vari settori in un'organizzazione mutualistica - ne illustra i profili: innovazione sociale, economia quaternaria, reddito universale, cooperazione, mutualismo, democrazia e partecipazione. Prefazione di Sergio Bologna

L'economia della ciambella
0 0 0
Libri Moderni

Raworth, Kate

L'economia della ciambella : sette mosse per pensare come un economista del 21. secolo / Kate Raworth

Milano : Edizioni Ambiente, 2017

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 1
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Il modello economico oggi prevalente ha aiutato miliardi di persone a migliorare le proprie condizioni di vita. Tuttavia, questi risultati sono stati ottenuti imponendo un prezzo altissimo ai sistemi naturali prima e a quelli sociali dopo. Da un lato, inquinamento, cambiamenti climatici e distruzione della biodiversità; dall'altro, livelli di diseguaglianza che non hanno probabilmente uguali nella storia dell'umanità e che, assieme alle crisi innescate dal sistema finanziario, contribuiscono a dare forza ai movimenti populisti che incendiano gran parte dei paesi dell'Occidente. È chiaro che qualcosa non funziona, e che l'economia deve essere aggiornata alle realtà del XXI secolo. Per farlo, Kate Raworth ricostruisce la storia delle teorie che stanno alla base dell'attuale paradigma economico, ne evidenzia i presupposti nascosti e con grande sagacia li smonta pezzo per pezzo. Dopo aver fatto piazza pulita di teorie che, pur risalendo all'Ottocento continuano a essere insegnate ancora oggi, Raworth presenta l'economia della ciambella, che attinge alle ultime acquisizioni dell'economia comportamentale, ecologica e femminista, e a quelle delle scienze del sistema Terra. Indica sette passaggi chiave per liberarci dalla nostra dipendenza dalla crescita, riprogettare il denaro, la finanza e il mondo degli affari e per metterli al servizio delle persone. In questo modo, si può arrivare a un'economia circolare capace di rigenerare i sistemi naturali e di redistribuire le risorse, consentendo a tutti di vivere una vita dignitosa in uno spazio sicuro ed equo. Ricco di storie e prospettive sorprendenti, attento alle realtà profonde degli esseri umani, "L'economia della ciambella" è un'opportunità per imparare a pensare come economisti del XXI secolo