Trovati 1337 documenti.

Resti tra noi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Quarta, Luigigiovanni

Resti tra noi : etnografia di un manicomio criminale / Luigigiovanni Quarta

Milano : Meltemi, 2019

Deviazioni ; 2

Abstract: L'ospedale psichiatrico giudiziario, manicomio e prigione, è l'ultimo residuo istituzionale di una tradizione di contenimento e cura della devianza. Molti l'hanno considerato l'esempio par excellence delle istituzioni totali, luogo in cui scompare una marginalità pericolosa e indesiderata. L'etnografia svolta all'interno di uno di essi vuole però restituirne i confini frastagliati, concentrandosi sui soggetti che a lungo l'hanno abitato e che in esso hanno visto nascere speranze, affetti, relazioni. Per nulla totale, l'OPG è un mondo sociale molteplice e cangiante - un campo di battaglia che fa delle pratiche di continua negoziazione e della plasticità dei ruoli e degli spazi la propria ragion d'essere. L'istituzione totale, insieme a certe riletture di Basaglia, Goffman, Foucault, Bourdieu, deve cedere il posto, allora, a una rappresentazione più sfumata, attenta alle zone grigie in cui i soggetti si muovono, descrizione che l'etnografia aiuta a costruire e restituire.

Separazioni
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Mearini, Elena

Separazioni / Elena Mearini

Milano : Marco Saya Edizioni

poesiaoggi ; 57

Le zattere del pianeta terra
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Monaco, Paolo

Le zattere del pianeta terra : viaggio tra le zattere terrestri alla deriva come una classe sgangherata per comprendere un poco meglio il nostro pianeta / Paolo Monaco

Canterano : Aracne, 2019

A04

Abstract: Si conclude la trilogia dopo La Geologia spiegata ad una classe sgangherata e I doni di Madre Terra. Il nostro pianeta Terra è geologicamente assai attivo: un enorme numero di "zattere" (placche, in letteratura) si formano e si spezzano di continuo, di fronte a spinte immani. Ogni zattera si è spostata nel tempo anche di centinaia di chilometri e si sposta attualmente di diversi millimetri l'anno, ingenerando fenomeni grandiosi ai margini. Questo terzo libro dunque cerca di descrivere, con una buona dose di umorismo, questo immenso puzzle che tanta importanza ha anche sull'esistenza di miliardi di persone. Il docente si rivolge alla solita classe sgangherata, ma introducendo un elemento di interesse per gli studenti demotivati: l'intervento di esperti internazionali. Alcuni di loro sono realmente esistenti, altri sono totalmente inventati. L'intento è di allargare la platea, coinvolgendo un pubblico più vasto ed eterogeneo per affrontare la dinamica del pianeta Terra, fin dalle epoche geologiche più remote.

Perlamara
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Lambertini, Sonia

Perlamara / Sonia Lamberti

Milano : Marco Saya Edizioni

Poesiaoggi ; 58

Il telefono rosa
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Cucchiarelli, Carla

Il telefono rosa : una storia lunga trent'anni / Carla Cucchiarelli

Roma : Castelvecchi, 2019

Le polene

Abstract: Trent'anni fa nasceva a Roma il Telefono Rosa. Doveva essere un esperimento a termine per raccogliere le voci delle donne e far emergere il fenomeno della violenza nascosta tra le mura domestiche, invece è diventato nel tempo un indispensabile strumento di denuncia e di difesa non solo per le donne, ma anche per i minori. Attualmente l'associazione, oggi diventata una Onlus, conta sessanta volontarie, gestisce il numero di telefono di pubblica utilità 1522, si occupa di due case-rifugio, porta avanti progetti per l'alternanza scuola-lavoro e ha dato vita a una rete di iniziative analoghe in tutta Italia. Carla Cucchiarelli ne ricostruisce la storia intensa e appassionante, che è anche un po' quella di tutte le donne, delle loro battaglie e delle loro conquiste. Una storia che va raccontata per ricordare che, nonostante le vittorie degli ultimi anni, la strada per la parità di genere è ancora lunga.

Senza è peggio
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bonafé, Simona

Senza è peggio : perchè l'Europa serve / Simona Bonafè

Soveria Mannelli : Rubbettino, 2019

Abstract: Energia, telecomunicazioni, ambiente, sicurezza alimentare, salute, trasporti, ricerca, stabilità monetaria, mercato unico, facilitazioni nei commerci e molto altro. Ecco tutti i motivi per cui l'Unione europea è stata ed è un ausilio indispensabile alla vita quotidiana di tutti noi. Un po' in controtendenza rispetto alla vulgata dei nostri giorni che tende ad addebitare tutte le colpe all'Europa, questo libro vuole rimarcare come "Senza è peggio". Alla vigilia delle elezioni europee, nel mezzo di un rinnovato dibattito sull'opportunità o meno di restare nell'Unione e con la consapevolezza che solo un'Europa rinnovata possa reggere l'impatto con il futuro e con i forti venti sovranisti che si alzano, il libro intende spiegare i motivi per cui per i cittadini italiani l'Europa è, semplicemente, un guadagno oggi e un'opportunità domani. Senza l'Europa staremmo molto peggio di come stiamo adesso.

Non svegliare la tigre!
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Teckentrup, Britta

Non svegliare la tigre! / Britta Teckentrup

Schio : Sassi junior, 2019

Abstract: Tigre si è addormentata, ma... oh mamma! Si è messa proprio tra i piedi! Come faranno gli altri animali a passare senza svegliarla? È una sfida davvero ardua. Riesci ad aiutarli?

L'ora di Agathe
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bomann, Anne Cathrine

L'ora di Agathe / Anne Cathrine Bomann ; traduzione di Maria Valeria D'Avino

Milano : Iperborea, 2019

Iperborea ; 297

Abstract: In una cittadina francese degli anni Quaranta, uno psicanalista fa il conto alla rovescia, con puntiglio maniacale, delle ore che lo separano dalla pensione. Scapolo e senza amici, la sua vita si divide tra lo studio, dove ascolta svogliatamente i pazienti fingendo di prendere appunti mentre disegna caricature di uccelli, e la casa d’infanzia in cui ancora abita e si rintana dal mondo, origliando dai muri la vita del vicino che non ha mai visto. Qualcosa cambia quando una giovane tedesca di nome Agathe insiste per essere presa in cura da lui. Costretto ad accettarla suo malgrado e nonostante l’imminente ritiro, il medico scopre che dietro quell’aspetto fragile si nasconde una donna forte, sagace, pronta a scavare nel suo passato per affrontare il trauma inconfessabile che le ha imbrigliato l’esistenza. Una donna che lo affascina e lo sfida cogliendo in lui quel male di vivere che li accomuna e li lega in un’intesa sottile. Una paziente capace di girare lo specchio e invertire i ruoli, obbligando lui, lo psichiatra a fine carriera, il vecchio disilluso, a guardare dentro la sua stessa infelicità e a mettere in discussione, solo ora e per la prima volta, la sua vita. Scrittrice e psicologa, Anne Cathrine Bomann realizza un romanzo che dalla sua delicatezza e finezza empatica trae un fascino peculiare. L’ora di Agathe è il racconto di una tardiva quanto fervida educazione sentimentale, il diario di una lotta interiore tra il desiderio di intimità con gli altri e con il mondo e la paura di perseguirlo, una storia che ci costringe a rallentare il ritmo, ad affinare i sensi e i pensieri, trascinandoci dolcemente nel percorso dei due protagonisti, inseguendo la speranza di essere sempre in tempo per ricominciare.

Il caso Kaufmann
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Grasso, Giovanni <1962- >

Il caso Kaufmann / Giovanni Grasso

[Milano] : Rizzoli, 2019

Abstract: A sconvolgere l'esistenza cupa e afflitta di Lehmann Kaufmann, nel dicembre del 1933, è una lettera. Kurt, il suo migliore amico, gli chiede di prendersi cura della figlia Irene e di aiutarla a stabilirsi a Norimberga. Kaufmann ha sessant'anni, è uno stimato commerciante ebreo, vedovo, e presidente della comunità ebraica di Norimberga - vittima, in quegli anni, della persecuzione nazista. Irene si presenta da subito come un raggio di sole a illuminare la vita di Leo. Ha vent'anni, è bella, determinata e tra i due si instaura un rapporto speciale fatto di stima, affetto, ma anche di desiderio. Però è ariana, e le leggi razziali stabiliscono che il popolo ebreo è nemico della Germania. L'odio, sapientemente fomentato dal governo nazista, entra pian piano nelle vite dei comuni cittadini e le stravolge. Diffidenza e ostilità prendono il posto di rispetto e stima. Gli sguardi si abbassano, i sorrisi si spengono. E quando anche la Giustizia, nelle mani dello spietato giudice Rothenberger, si trasforma in un mostro nazista, per l'onestà e la verità non ci sarà più scampo.

Il diavolo a Hameln
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Testa, Giuseppe <1957- >

Il diavolo a Hameln / Giuseppe Testa

Genova : Il melangolo, 2019

Nugae ; 264

Abstract: Rovistando tra gli scaffali di antiche biblioteche tedesche, l'autore ricostruisce il vasto mosaico storico che fa da sfondo a una delle più note favole per bambini, "Il pifferaio di Hameln", dei fratelli Grimm. Dalla trama di questo resoconto emergono così grandi figure del passato, come il filosofo Leibniz, ma anche oscuri personaggi senza scrupoli, come un agitatore papista cacciato da Elisabetta I d'Inghilterra, e un predicatore luterano dotato di uno spiccato interesse per i diavoli. Pagina dopo pagina, l'orrore occulto delle fiabe si intreccia con la cronaca di viaggio intorno alla vicenda reale di una leggenda che per molto tempo fu creduta vera.

Mussolini ha fatto anche cose buone
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Filippi, Francesco

Mussolini ha fatto anche cose buone : le idiozie che continuano a circolare sul fascismo / Francesco Filippi ; prefazione di Carlo Greppi

Torino : Bollati Boringhieri, 2019

Temi ; 285

Abstract: «Quando c’era Lui…»: una frase inevitabilmente seguita da un’idiozia. In “Mussolini ha fatto anche cose buone”, Francesco Filippi smentisce tutti quei luoghi comuni sul Duce troppo duri a morire. Sono passati più di settant’anni dalla caduta del fascismo e forse su alcune cose cominciamo ad avere i ricordi confusi. Se fino a qualche anno fa ci scherzavamo sopra a mo’ di barzelletta, negli ultimi anni c’è chi è piuttosto serio quando afferma che quando c’era Mussolini i treni erano sempre in orario e l’Italia era rispettata da tutti. Vale allora la pena di ricordare che secondo la stragrande maggioranza degli storici quello di Benito Mussolini fu un regime dispotico, violento, miope e per lo più fallimentare. Un regime che basava la propria propaganda sull'idea che il falso, se ripetuto numerose volte, finisce per trasformarsi in verità comune. È lo stesso meccanismo che oggi chiamiamo “fake news”. E l’unica maniera che abbiamo per tutelarci dalla sua pericolosità, oggi amplificata dalla rete, è studiare, documentarsi e approfondire. Scopriremo allora che Mussolini portò la popolazione italiana a un generale impoverimento, a un aumento delle ingiustizie, alla provincializzazione economica e culturale e soprattutto a una guerra destinata a trasformarsi in un massacro. “Mussolini ha fatto anche cose buone” di Francesco Filippi è un libro che si legge in un’ora: un’ora al termine della quale sapremo finalmente rispondere a tono a quel pericoloso rigurgito nostalgico che è sempre più tristemente in voga.

Migrazioni e intolleranza
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Eco, Umberto <1932-2016>

Migrazioni e intolleranza / Umberto Eco

Milano : La nave di Teseo, 2019

Le onde ; 48

La famiglia Coniglietti. Una giornata d'inverno
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Al Omari, Nadia - Rosazza, Richolly

La famiglia Coniglietti. Una giornata d'inverno / Nadia Al Omari, Richolly Rosazza

Roma : Risfoglia, 2019

Piccoli mondi

Abstract: Arriva l’inverno sulla collina dei soffioni e un giorno Leila e i suoi fratellini, mentre stanno sciando con lo slittino, sentono cinguettare vicino alla grande quercia...

La famiglia Coniglietti. Una giornata d'autunno
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Al Omari, Nadia - Rosazza, Richolly

La famiglia Coniglietti. Una giornata d'autunno / Nadia Al Omari, Richolly Rosazza

Roma : Risfoglia, 2019

Piccoli mondi

Abstract: Arriva l’autunno sulla collina dei soffioni e un giorno, mentre tutti sono impegnati nelle loro faccende, Leila è triste. Non ha ancora imparato ad andare in bicicletta senza le rotelle, ma il suo fratellone Sam le promette: «Ti aiuterò io... »

La famiglia Coniglietti. Una giornata d'estate
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Al Omari, Nadia - Rosazza, Richolly

La famiglia Coniglietti. Una giornata d'estate / Nadia Al Omari, Richolly Rosazza

Roma : Risfoglia, 2019

Piccoli mondi

Abstract: Arriva l'estate sulla collina dei soffioni e un giorno, mentre Leila e i suoi fratellini vanno al fiume per fare il bucato, la mamma annuncia che ci sarà una bella sorpresa...

La famiglia Coniglietti. Una giornata di primavera
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Al Omari, Nadia - Rosazza, Richolly

La famiglia Coniglietti. Una giornata di primavera / Nadia Al Omari, Richolly Rosazza

Roma : Risfoglia, 2019

Piccoli mondi

Abstract: Arriva la primavera sulla collina dei soffioni e Leila non vuole mai fare colazione. Una mattina però, dopo aver passato un’intera giornata da nonni con i suoi fratellini, cambia idea...

La mia strada
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Desbordes, Astrid - Martin, Pauline

La mia strada / Astrid Desbordes, Pauline Martin

Cornaredo : La margherita, 2019

Abstract: Oggi Ettore ha perso la partita di tennis contro Susanna ed è un po' giù. Allora, la mamma lo porta a fare una passeggiata.

La babysitter perfetta
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Browne, Sheryl

La babysitter perfetta / Sheryl Browne ; traduzione di Paola Bertante

Milano : Garzanti, 2019

Narratori moderni

Abstract: Non esistono braccia più sicure delle proprie per proteggere i figli. Ma non si può stare con loro tutto il tempo. A volte è necessario affidarli a qualcuno di cui ci si possa fidare ciecamente. Trovare la persona giusta non è facile: lo sanno bene Melissa e suo marito che cercano una babysitter per le loro due meravigliose bambine. Nessuna sembra all'altezza. Nessuna è abbastanza in gamba, dolce e rassicurante. Fino a quando non incontrano Jade, che è semplicemente perfetta. Le loro figlie la adorano, vogliono sempre stare con lei, e Jade le ama come se fossero sue. Melissa non potrebbe essere più felice di così e le affida la gestione della famiglia, tornando a occuparsi del lavoro. Ma all'improvviso in casa cominciano a succedere cose strane: le bambine non sembrano più così al sicuro e Melissa ha sensazioni che non riesce a spiegarsi. Si tratta solo di piccoli dettagli, non ha alcuna prova ma sente che qualcosa non va. Decide allora di parlarne con il marito, che però non le crede: forse è solo la stanchezza per i troppi impegni, o lo spettro della depressione. Jade è l'unica che le sta vicino, l'unica che la ascolta e, giorno dopo giorno, Melissa si convince sempre di più che Jade sia stata una scelta fortunata. È davvero perfetta. Forse anche troppo. Eppure Melissa sta per scoprire che ogni perfezione nasconde una macchia, un neo, una sbavatura. Che ogni persona, anche la più gentile e altruista, ha un passato alle spalle, una cicatrice, un brutto ricordo. Che si possono proteggere le persone amate, ma non per sempre. Anche se sono i propri figli.

Una ragazza riservata
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Atkinson, Kate

Una ragazza riservata : romanzo / Kate Atkinson ; traduzione di Alessandro Storti

Milano : Nord, 2019

Narrativa ; 765

Abstract: Londra, 1981. Una donna giace sull'asfalto. È stata investita da un'auto mentre attraversava la strada, proprio il giorno del suo ritorno in Inghilterra, dopo anni passati all'estero. È un tragico incidente, che presto verrà dimenticato da una città in fermento per l'evento del secolo, le nozze reali tra il principe Carlo e Diana Spencer. O forse non è così. Perché quella donna era depositaria di tanti, troppi segreti. Londra, 1940. Rimasta orfana, la diciottenne Juliet Armostrong viene reclutata dai servizi segreti per un compito all'apparenza semplice: sbobinare registrazioni. In realtà, si tratta di un compito delicato, perché quelle registrate sono le conversazioni di un agente infiltrato con cittadini inglesi al soldo del Reich. Per il governo, è essenziale individuare e tenere d'occhio una potenziale quinta colonna filonazista in patria. Soprattutto ora che Londra è il bersaglio delle bombe tedesche. Dapprima disorientata, Juliet s'immerge sempre più in un mondo infido in cui ogni gesto, ogni parola è ambigua e pericolosa. E dopo alcuni mesi ha l'occasione di mettersi alla prova come agente operativo, in una rischiosa missione sul campo. E nulla andrà come previsto... Londra, 1950. A cinque anni dalla fine delle ostilità, la crisi economica e le conseguenze nefaste della guerra opprimo ancora il popolo inglese. Juliet adesso lavora per la BBC, e il suo compito è dare vita a programmi d'intrattenimento per sollevare lo spirito degli ascoltatori. Ma anche per lei è difficile liberarsi del passato, che riemerge nella forma di un messaggio lasciato sotto la porta di casa: La pagherai. Dopo tutto quello che è successo dieci anni prima, Juliet non è sorpresa. E riprende contatto con alcune conoscenze del tempo di guerra, che però non le sono di nessun aiuto. Anzi, un uomo misterioso la coinvolgerà ancora una volta in una missione segreta. Il tavolo da gioco è sempre lo stesso, ma è cambiato uno dei giocatori: non più la Germania nazista, bensì l'Unione Sovietica...

Adriano Olivetti:
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Azzolini, Luca

Adriano Olivetti: : l'industriale del popolo / Luca Azzolini ; [illustrazioni di Margherita Zichella]

San Dorligo della Valle : EL, 2019

Grandissimi

Abstract: Quando ereditò l'impero di macchine per scrivere dal padre, Adriano decise che l'avrebbe trasformata in un luogo migliore per tutti. Il suo fu un sogno rivoluzionario che mirava a cambiare la storia del nostro Paese.