I Believe we will celebrate the hundredth anniversary 200x268

Il termine rivoluzione da un lato "indica un processo di sovvertimento – di ampie proporzioni ma compreso in un periodo di tempo definito e in genere accompagnato dall’uso di mezzi violenti – dell’ordine costituito politico e istituzionale [...]. Dall’altro lato il termine viene usato per caratterizzare una trasformazione di lungo periodo, tale da non poter essere compresa tra un punto iniziale e un punto finale precisi, che ha come effetto di produrre il passaggio da un tipo di orientamento od organizzazione della cultura, della mentalità, dei costumi, dei rapporti sociali ed economici, della tecnologia ecc. a un altro. I due significati sono però riconducibili a uno solo quantomeno nel senso che entrambi comportano un cambiamento che si può definire qualitativo ed epocale" (www.treccani.it).

La Rivoluzione Russa è stata dunque ribellione, rivolta, lotta, distruzione, ma anche utopia, rinnovamento, cambiamento e progresso.

Trovati 33 documenti.

 Sulla rivoluzione
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Arendt, Hannah

Sulla rivoluzione / Hannah Arendt ; con una nota di Renzo Zorzi

Milano : Edizioni di Comunità, 1983

Saggi di cultura contemporanea ; 147

Di questo amore non si deve sapere
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Armeni, Ritanna

Di questo amore non si deve sapere : la storia di Inessa e Lenin / Ritanna Armeni

Milano : Ponte alle Grazie, 2015

Gli spiriti della rivoluzione russa
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Berdjaev, Nikolaj Aleksandrov

Gli spiriti della rivoluzione russa / Nikolaj Aleksandrovic Berdjaev ; introduzione di Gustaw Herling ; a cura di Mauro Martini

Milano : B. Mondadori, c2001

Testi e pretesti ;

Abstract: Berdjaev cerca di spiegare a se stesso e ai suoi lettori in cosa consista la responsabilità storica dell'intelligencija. A se stesso prima di tutto, perché il testo è anche l'analisi del fallimento della speranza messianica in un evento rigeneratore che molti intellettuali avevano condiviso confidando in una grande rinascita religiosa dell'intera Russia.

Pensare la rivoluzione russa
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Canfora, Luciano <1942->

Pensare la rivoluzione russa / Luciano Canfora

Bari : Stilo editrice, 2017

Pagine di Russia. Saggistica

Abstract: Luciano Canfora percorre le tappe di un vento che ha segnato nel bene e nel male il percorso storico non solo della Russia sovietica e poi capitalista, ma anche del resto del mondo, che per tutto il XX secolo ha ammirato, osservato, spiato, ripudiato, a volte anche riprodotto l'iniziativa del bolscevichi e la formidabile macchina che essi avevano costruito

L' uso politico dei paradigmi storici
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Canfora, Luciano <1942->

L' uso politico dei paradigmi storici / Luciano Canfora

Roma [etc.] : GLF editori Laterza, 2010

Sagittari Laterza ; 172

Abstract: La storia - si dice - la scrivono i vincitori, ma il problema è capire chi sono i vincitori. Anche se questo è un campo che si presta ai paradossi, è ben vero che molto dipende dalla periodizzazione che si adotta: cioè dal senso che si attribuisce a determinati eventi, dalla lettura che se ne da e ancora una volta dalle 'analogie diagnostiche', nonché dalla comparazione e valutazione di differenti, possibili, analogie. Il nostro giudizio sui fatti storici è determinato dalla nostra comprensione di essi: comprensione che avviene appunto attraverso il tipo di analogia in cui caliamo quei fatti. Quell'analogia in cui riteniamo appropriato pensarli (in quanto ci sembra maggiormente comprensiva di elementi che si ritrovano e si rispecchiano a distanza di tempo e reciprocamente si chiariscono) comporta necessariamente il nostro schierarci rispetto a essi. Dunque le analogie utilizzate nella indagine storica sono sempre soggettive e sempre provvisorie, anche perché passibili di essere soppiantate, nello svolgersi stesso degli eventi. Il tema dell'analogia guida l'interpretazione di Luciano Canfora su due grandi svolte della storia: la rivoluzione francese e la rivoluzione d'ottobre.

Russia 1917
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Carpi, Guido

Russia 1917 : un anno rivoluzionario / Guido Carpi

Roma : Carocci, 2017

Quality paperbacks

Abstract: La Russia si affaccia all'anno 1917 nel pieno di un'emergenza sociale ed economica, della disgregazione delle classi dirigenti e di un catastrofico andamento della guerra. In febbraio crolla lo zarismo, ma nessuna delle questioni ereditate dal passato è risolta: proprietà della terra, rapporti di lavoro, autodeterminazione delle nazioni dell'impero, uscita dal conflitto bellico. Durante l'anno, le aspettative delle classi sociali si mostrano sempre più distanti tra loro, scatenando crisi di violenza crescente, seguite da tentativi sempre più velleitari di gestione condivisa del potere. Soltanto Lenin coi suoi bolscevichi - assieme a Trockij e a eroiche "irregolari" come Aleksandra Kollontaj e Larisa Rejsner - saprà incanalare la forza sovversiva delle masse, iscrivendola in un disegno complessivo di trasformazione in senso socialista dello Stato russo e, in prospettiva, dell'umanità intera

 1917
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Carr, Edward H.

1917 : illusioni e realtà della rivoluzione russa / Edward H. Carr

Torino : G. Einaudi, 1970

Nuovo politecnico ; 38

La rivoluzione russa
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Carr, Edward H.

La rivoluzione russa : da Lenin a Stalin, 1917-1929 / E. H. Carr

Torino : Einaudi, 1980

Piccola biblioteca Einaudi ; 384

 Storia della Russia sovietica
0 0 0
Monografie

Carr, Edward H.

Storia della Russia sovietica / Edward H. Carr

Torino : g. Einaudi

Biblioteca di cultura storica ; 78

 Storia della rivoluzione russa
0 0 0
Monografie

Chamberlin, William Henry

Storia della rivoluzione russa / W. H. Chamberlin ; traduzione di Mario Vinciguerra

Milano : Il saggiatore, 1967

I gabbiani ; 47

 22: La rivoluzione russa
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Cinnella, Ettore

22: La rivoluzione russa / Ettore Cinnella

Milano : Corriere della sera, c2004 (stampa 2005)

Fa parte di: Storia universale

Vol. 3: L'impero sovietico, 1917-1990
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Codevilla, Giovanni

Vol. 3: L'impero sovietico, 1917-1990 / Giovanni Codevilla

Abstract: Il colpo di Stato del 1917 soffoca i fermenti di rinnovamento che dalla fine del secolo XIX si sviluppano nella società civile e nella Chiesa e che trovano espressione nella legge sulla tolleranza religiosa del 1905 e nella convocazione, dopo anni di titubanze, del grande Concilio del 1917-1918 che delibera la ricostituzione dell'istituto del Patriarcato, abolito da Pietro il Grande nel 1721. Lo scontro del nuovo regime con la Chiesa è segnato sin dall'inizio dalla violenza e dalla coercizione cruenta, che viene sospesa solo a seguito dell'invasione nazista, quando Stalin si rende conto che per aggregare la popolazione contro il nemico è necessario ricostituire l'antico legame tra Ortodossia e patriottismo, concedendo alla Chiesa uno spazio di libertà. Prende allora avvio la Nep religiosa staliniana, la quale ha vita assai breve, lasciando il posto a una fase di asservimento del Patriarcato di Mosca ai fini della politica sovietica, durante la quale si procede nell'URSS e nei Paesi limitrofi alla soppressione violenta della Chiesa greco-cattolica e alla sua forzata aggregazione all'Ortodossia, nel dichiarato tentativo di dar vita a un Vaticano moscovita, finalizzato ad assegnare alla Chiesa di Mosca, pienamente controllata dal regime, un ruolo di guida sul piano internazionale al servizio della politica estera comunista. Nel contempo riprende dal 1947 una nuova fase di intolleranza che trova il suo culmine con Chruscèv

1917
0 0 0
Materiale linguistico moderno

D'Orsi, Angelo

1917 : l'anno della rivoluzione / Angelo D'Orsi

Bari ; Roma : Laterza, 2016

I Robinson. Letture

La rivoluzione Russa
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Ferro, Marc

La rivoluzione Russa / Marc Ferro

Milano : Mursia, 2017

Storia, biografie, diari. Storie generali e particolari

Abstract: Quando nel 1914 Lenin affermò che con la guerra Nicola II aveva offerto «il suo più bel regalo alla rivoluzione», pochi gli credettero: l’inizio delle ostilità sembrò suonare la campana a morto per i rivoluzionari. Il popolo russo andò alla guerra, ma la disfatta sollevò l’onda che in pochi mesi avrebbe spazzato via il regime zarista, cambiando per sempre la storia della Russia e del mondo. Nella prima parte di questo libro le tappe della rivoluzione russa vengono ripercorse dalla rivolta di Pietrogrado del 1917 fino alla rivoluzione d’Ottobre e alla presa del potere da parte dei bolscevichi. Una ricostruzione serrata dei fatti, delle cause e delle conseguenze che consente di avere un quadro completo degli avvenimenti e dei protagonisti. Nella seconda parte trova spazio la trascrizione dei principali documenti dell’epoca. Marc Ferro (Parigi 1924), storico francese, esperto di storia russa e sovietica e di storia del cinema. È stato condirettore della rivista «Annales» e direttore dell’École des hautes études en sciences sociales

La tragedia di un popolo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Figes, Orlando

La tragedia di un popolo : la rivoluzione russa 1891-1924 / Orlando Figes ; traduzione di Raffaele Petrillo

Milano : Corbaccio, [1997]

Collana storica ;

Abstract: Figes delinea il panorama della società russa alla vigilia della rivoluzione per passare poi al resoconto di come le forze sociali furono cancellate tanto violentemente. Figes descrive la rivoluzione come una tragedia, per i russi sia come popolo nel suo insieme che per ciascun individuo, ma ci mostra anche come le principali forze sociali non furono vittime solo dei bolscevichi, ma anche attori delle proprie tragedie rivoluzionarie. L'autore dimostra come il fallimento della democrazia nel 1917 avesse le sue radici nella cultura e nella storia sociale della Russia e come ciò che nacque come rivoluzione del popolo contenesse i semi della sua degenerazione in violenza e dittatura.

La forza del mito
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Flores, Marcello

La forza del mito : la Rivoluzione russa e il miraggio del socialismo / Marcello Flores

Milano : Feltrinelli, 2017

Storie

Abstract: A cento anni dalla Rivoluzione russa e a venticinque dal crollo dell'Unione sovietica, si deve tornare a fare i conti con alcune questioni cruciali: qual è il ruolo della Rivoluzione d'ottobre nella storia? Che impatto ha avuto in Occidente e nel resto del mondo? Marcello Flores ha una risposta radicale: la creazione del primo stato socialista costituisce la tomba del socialismo, se con questo s'intende il progetto di ribaltamento del sistema capitalista. L'origine di questo fallimento, spiega Flores, sta nella vittoria del bolscevismo. Perché l'imporsi del comunismo sovietico come unico modello vincente ha finito per sostituire il socialismo e la sua spinta rivoluzionaria con il dogma della difesa dell'Urss, con l'idea che la rivoluzione corrisponda alla conquista giacobina del potere, con la necessità di costruire uno stato forte, aggressivo ed espansionista. Flores ritorna alle radici della rassegnazione con cui la gran parte del movimento operaio ha ceduto ai dogmi del comunismo sovietico, rinunciando alla prospettiva di un cambiamento di sistema che il socialismo, dalla metà dell'Ottocento alla Rivoluzione, aveva perseguito e dibattuto in una grande ricchezza di opinioni e di strategie diverse e contrapposte. Ripercorre la storia dell'esperimento socialista fino al tramonto dell'Unione sovietica e unisce le trame di un'epoca tanto complessa quanto irriducibile a qualsiasi semplificazione. E lo fa con una narrazione concisa ed efficace, servendosi di una chiave di lettura che getta luce nuova sul significato profondo della Rivoluzione russa

Le due rivoluzioni
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Furet, François

Le due rivoluzioni : dalla Francia del 1789 alla Russia dal 1917 / François Furet ; prefazione all'edizione italiana dei Marina Valensise ; presentazione di Mona Ozouf

Torino : UTET libreria, 2002

1917
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Gaucher, Roland

1917 : l'anno della rivoluzione russa / Roland Gaucher

Bologna : Odoya, 2016

Odoya library ; 232

Abstract: Nel 1917 l'Impero russo è stremato dalle sconfitte subite durante la Prima guerra mondiale, in cui combatte a fianco di Gran Bretagna e Francia, gli altri due membri della Triplice Intesa. In seguito alla Rivoluzione di febbraio, la Duma e i Soviet si accordano per la deposizione dello zar e l'istituzione di un governo di menscevichi, cadetti e socialisti rivoluzionari, formando il governo provvisorio di Georgij L'vov, cui segue l'abdicazione dello zar Nicola II. Qualche mese dopo, i bolscevichi danno vita alla Rivoluzione d'ottobre. Il saggio ci presenta tutti i grandi protagonisti di questo evento storico: Lenin, autore delle famosissime Tesi d'Aprile, che lascia la Svizzera e raggiunge la Russia in un vagone piombato per formare un governo bolscevico; Trockij, presidente bolscevico del Soviet di Pietrogrado (l'odierna San Pietroburgo); Nicola II Romanov, su cui incombe un tragico destino; la zarina affascinata dal cupo Rasputin, mistico e consigliere privato dei Romanov... E naturalmente la folla di Pietrogrado, minacciosa e affamata. Roland Gaucher, giornalista e inviato speciale di Minute, ha ricostruito dettagliatamente gli eventi dei "giorni che sconvolsero il mondo" basandosi su documenti, memoriali e testimonianze, con grande attenzione nei confronti del clima e dell'atmosfera del tempo. Un racconto vivo e avvincente, ricco di barbare stragi e gesti di fratellanza, rivoluzione e controrivoluzione, guerra civile e aspre lotte parlamentari

Economia della rivoluzione
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Lenin, Vladimir Ilʹič

Economia della rivoluzione / Lenin ; a cura di Vladimiro Giacché ; traduzioni di Ignazio Ambrogio ... [et al.]

Milano : Il saggiatore, 2017

La cultura ; 1086

Abstract: 25 ottobre - 7 novembre secondo il calendario gregoriano - di cento anni fa Lenin scrisse un appello "Ai cittadini di Russia" per comunicare che il governo provvisorio era abbattuto e il potere statale passava nelle mani del Comitato militare rivoluzionario. Nel centenario di quell'ottobre, Vladimiro Giacché riunisce il corpus degli scritti economici di Lenin e modella un'opera dall'identità solida e precisa, che prende le mosse dagli accadimenti e dai provvedimenti dei primi mesi dopo la rivoluzione, comprende la dura stagione della guerra civile e del comunismo di guerra, infine approda alla svolta della Nuova politica economica. Ma "Economia della rivoluzione" non è soltanto un documento su quanto avvenne dopo i dieci giorni che sconvolsero il mondo: teoria e prassi di Lenin hanno esercitato un'enorme influenza a livello mondiale. Dallo scontro politico che si aprì in Unione Sovietica dopo la morte di Lenin alle riforme economiche degli anni sessanta in Urss e nei paesi dell'Europa orientale, tutti si sono rifatti ai suoi testi come al criterio di verità su cui misurare le proprie ragioni, il vessillo di cui impadronirsi per vincere la battaglia. Ma l'influenza del pensiero di Lenin si è estesa ben oltre i confini del mondo socialista, se ancora a inizio anni ottanta il presidente francese Francois Mitterrand confidava ai propri collaboratori che per cambiare qualcosa in economia bisognava essere «leninisti». E la fine dell'Unione Sovietica non ha decretato il tramonto delle fortune di Lenin, visto che la transizione della Cina e di altre economie emergenti da un'economia integralmente statalizzata e pianificata a un'economia di mercato ha tratto diretta ispirazione dalla Nuova politica economica: capitalismo di Stato in paese socialista, che nel 2012 l'Economist ha definito «il nemico più formidabile che il capitalismo liberale abbia sinora dovuto affrontare». Un nemico ancora più temibile ora che la Grande recessione ha investito i paesi capitalistici avanzati e superare la crisi con semplici meccanismi di mercato sembra impossibile. Come per tutti i classici, il pensiero economico di Lenin è una bussola non solo per orientarsi nel passato e comprendere il presente, ma anche per trovare la via nel buio di cui sembra circonfuso il nostro futuro

La rivoluzione russa
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Luxemburg, Rosa <1871-1919>

La rivoluzione russa ; e Problemi di organizzazione della socialdemocrazia russa / Rosa Luxembourg ; a cura di Massimo Cappitti

Pisa : BFS, 2017

Reprint ; 10

Abstract: Nelle grandi manifestazioni studentesche degli anni Sessanta, accanto ai ritratti di Marx e Che Guevara venivano innalzati fieramente anche quelli di Karl Liebknecht e di Rosa Luxemburg. Dei due leader tedeschi si ammirava la coerenza politica, l’integrità etico-morale con cui si erano opposti alla Prima guerra mondiale e il lavoro politico/teorico di rinnovamento radicale del movimento socialista internazionalista al fine di ritrovare un’unità d’intenti per un programma rivoluzionario. In quell’epoca l’attualizzazione del loro pensiero aveva ricoperto un significato antidogmatico nella speranza di trovare una terza via alternativa ai modelli di socialismo d’impronta staliniana e a quelli socialdemocratici. I testi politici della Luxemburg che si offrono oggi alla lettura, La rivoluzione russa e Problemi di organizzazione della socialdemocrazia russa, rappresentano sul piano storico la sintesi di questa lettura critica.