AcquaSoleVento 500x3

Perché parlare di poesia per bambini in Biblioteca?

Perché è marzo e si sente aria di primavera. Perché la voce dei poeti ci può guidare in un viaggio tra ritmi, profumi, parole che diventano musica e cantano.

Perché la poesia alimenta la vita. È il mezzo più potente per esplorare le risorse del linguaggio, per costruire personalità creative che sappiano esprimere pensieri liberi.

Ci accompagnano le parole di alcuni poeti italiani contemporanei che hanno scritto e scrivono per i bambini e i ragazzi:

Gianni Rodari, Pinin Carpi, Toti Scialoja, Roberto Piumini, Elio Pecora, Vivian Lamarque, Giuseppe Pontremoli, Bruno Tognolini, Janna Carioli, Chiara Carminati, Nicola Cinquetti, Pietro Formentini, Giusi Quarenghi.


Scarica il pdf (10 Mb) 

Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Data 2014
× Nomi Formentini, Pietro
Includi: tutti i seguenti filtri
× Target di lettura Giovani (in generale)
× Data 1996

Trovati 3 documenti.

 Dall'ape alla zebra
0 0 0
Libri Moderni

Piumini, Roberto

Dall'ape alla zebra / Roberto Piumini ; illustrazioni di Francesco Altan

Trieste : Einaudi ragazzi, [1996]

Einaudi ragazzi. Storie e rime ; 72

Abstract: Una serie di poesie/alfabeto/bestiario di qualità letteraria. Per leggere, giocare, imparare, creare.

 Filastrocche per tutto l'anno
0 0 0
Libri Moderni

Rodari, Gianni <1920-1980>

Filastrocche per tutto l'anno / Gianni Rodari ; illustrato da Emanuele Luzzati

Roma : Editori riuniti, 1996

Universale economica ; 52

La sera che la sera non venne
0 0 0
Libri Moderni

Tognolini, Bruno

La sera che la sera non venne / Bruno Tognolini ; illustrazioni di Cecco Mariniello

3. rist

Firenze : Fatatrac, 2007

I nuovi ottagoni ;

Abstract: Bruno Tognolini non è nuovo alle poesie e alle filastrocche, ma qui per la prima volta affida un intero testo di narrativa al ritmo delle ottave. La storia, in cui l'atmosfera fantascientifica è resa dal persistere di un'inquietudine simile a un presagio, ha inizio una sera, quando il sole, in una sorta di incantamento, resta immobile al suo posto e non tramonta: la sera che la sera non venne... All'inizio gli uomini frettolosi e distratti non se ne accorgono, ma via via che si prolunga la luce misteriosa e innaturale, vengono presi dall'angoscia prima e poi dal panico. Toccherà agli animali, innocenti eroi di una natura malata di umanità, a sciogliere l'incantesimo riconsegnando il mondo al ritmo rassicurante del tempo.