Istruzioni per l'area personale MyDiscovery Controlla i tuoi dati  Ebook: come fare? 

MERCATINO DEL LIBRO USATO 2017

 

La biblioteca di S. LUCIA è chiusa per lavori di manutenzione straordinaria. I libri presi in prestito possono essere restituiti nelle altre biblioteche di pubblica lettura del Comune di Verona.

Esplora il catalogo

 

Generi narrativa

Vuoi un romanzo storico, o che parla di sentimenti, o di fantascienza, o... Segui uno dei link qui sotto.

 

Ebook

Vuoi cominciare a farti un'idea degli ebook disponibili? Segui uno dei link qui sotto.

Zygmunt Bauman


Il 9 gennaio 2017 è morto a Leeds, all’età di 91 anni, il sociologo e filosofo polacco.

Luigi Pirandello: audiolibri


In occasione della ricorrenza della morte di Luigi Pirandello (10 dicembre 1936), vi proponiamo una selezione delle sue opere in audiolibro.

La proposta dei bibliotecari

Ho deciso, ucciderò Germaine il 29 dicembre. Ci sto  pensando da settimane, perché uccidere qualcuno, comunque sia, richiede una preparazione psicologica e materiale. Ora finalmente credo di trovarmi nello stato d'animo giusto, anche se non ho ancora deciso con che mezzo portare a termine il mio atto. Ma ormai è solo quetsione di dettagli. Su questo aspetto pratico preferisco lasciarmi un margine di manovra e aggiungere così al mio progetto un elemento d'improvvisazione.
No, non cerco la perfezione, lungi da me quest'idea. Però non amo fare le cose alla leggera e non è certo un assassinio che mi farà cambiare idea...

<Alain Mabanckou, "African psycho", Milano : Morellini, 2007>

Se vuoi vedere la lista di libri proposti finora clicca qui

Vedi tutti

Ultimi post

Una famiglia quasi perfetta - Jane Shemilt

Un libro che si legge tutto d'un fiato. La narrazione è eccellente, tra suspence e rivelazioni di una famiglia apparentemente come le altre. Una madre che pensa di conoscere i propri figli ed invece si ritrova a fare i conti con i sensi di colpa. Ed infine un finale che fino all'ultima pagina non è così scontato. Un'ottima lettura.

La vita, istruzioni per l'uso - Georges Perec

Non un romanzo solo, ma tanti romanzi sono incasellati nella cornice costituita dalla facciata di un palazzo parigino osservato meticolosamente, stanza per stanza, da un narratore preciso fino all'ossessione nomenclatoria nelle descrizioni e inesauribile nell'invenzione narrativa. Il numero dei capitoli, novantanove, allude a quell'incompiutezza che è l'unico dato certo della vita. Un romanzo di romanzi, un puzzle impossibile da completare, in cui si intrecciano infinite storie e sogni, progetti, amori e rancori, ricordi. Leggerlo, vagare tra le cucine e i salotti, le cantine e i solai, le scale e il vano dell'ascensore, i bagni e le camere da letto, contemplarne gli abitanti attuali e venire a sapere dell'esistenza di quelli precedenti, scoprire il loro passato, cercar di comprendere il loro presente... è un'avventura indimenticabile.

Non avevo capito niente - Diego De Silva

Un monologo interiore davvero vivace quello del protagonista di questo romanzo, che si ritroverà poi anche in Mia suocera beve e Sono contrario alle emozioni. Il suo linguaggio è al contempo colloquiale e colto, colorito e accuratissimo. Le vicende sfiorano il surreale, grazie all'osservazione ravvicinatissima, quasi al rallentatore, che l'autore ci propone. Così lo scherzo e la riflessione filosofeggiante procedono a braccetto, sorreggendosi a vicenda, con ottimi risultati.

Su e giù per le corsie - Monica Dickens

Sulla scia di "Su e giù per le scale", la Dickens, nipote del ben noto Charles, conferma di scrivere bene e scorrevolmente, con quella leggera nota di humor inglese poco palesata. Questo libro però, per quanto ricco di vivaci situazioni "ospedaliere", non riesce ad agganciare completamente il lettore alla simpatia della autrice-protagonista e alla sua storia. Peccato

Sole e acciaio - Yukio Mishima

Incominciai a scorgere l’enorme serpente che circonda la terra.
Un serpente che continuando a inghiottirsi la coda vinceva tutte le polarità.
L’enorme serpente della fine che fa risuonare una risata di scherno contro tutti gli opposti. Incominciavo a vederlo.
Le estremità degli opposti si assomigliano, e le cose più lontane fra loro, più aumenta la loro distanza, più finiscono con l’avvicinarsi. Il cerchio del serpente svelava questo mistero.
La carne e lo spirito, il sensuale e l’intellettuale, l’esterno e l’interno, si congiungeranno in un luogo lontano da questo pianeta, ancora più in alto del punto in cui si congiunge l’anello serpentino di nuvole bianche che avvolge la terra.